email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VENEZIA 2020 Concorso

Kornél Mundruczó e Kata Wéber • Regista e sceneggiatrice di Pieces of a Woman

"Non saprei dirvi quanto sono grato ai miei attori"

di 

- VENEZIA 2020: Abbiamo parlato con Kornél Mundruczó e Kata Wéber, il regista e la sceneggiatrice di Pieces of a Woman, uno dei titoli che sono in lizza per il Leone d'oro di quest'anno

Kornél Mundruczó e Kata Wéber • Regista e sceneggiatrice di Pieces of a Woman
(© La Biennale di Venezia/Foto ASAC/Giorgio Zucchiatti)

Abbiamo avuto la possibilità di parlare con Kornél Mundruczó e Kata Wéber, rispettivamente regista e sceneggiatrice di Pieces of a Woman [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Kornél Mundruczó e Kata Wé…
scheda film
]
, uno dei titoli che quest'anno partecipano alla competizione principale della Mostra del Cinema di Venezia. Il dramma è incentrato su una giovane coppia, Martha (Vanessa Kirby) e Sean (Shia LaBeouf), le cui vite cambiano irrimediabilmente durante un parto in casa sotto la supervisione di un'ostetrica (Molly Parker), che è accusata di negligenza criminale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Perché ha deciso di ambientare la storia a Boston?
Kata Wéber: Boston è stato un suggerimento da parte di tutti i produttori. Hanno immaginato la storia e hanno detto: "Avrai bisogno di un posto che abbia conservatori e liberali, una città che abbia una grande comunità ebraica, e devi ambientarla in un luogo dove la nascita in casa è ancora possibile". Quindi tutti questi aspetti hanno reso Boston la scelta migliore.

Qual è stata la parte più difficile della fase di sviluppo?
K.W.: È stata dura fino alla fine. È stato difficile tradurre e adattare la storia e nel farlo abbiamo perso molto materiale. Trovi ciò che è più forte e ciò che è più debole e devi rinunciare a molte cose! Ma queste rinunce sono per il bene del film, ovviamente. Ed è difficile non solo per via dello shock culturale, ma anche a causa dei diversi esperti - i consulenti legali, per esempio - che si interessano al tuo progetto.

Vediamo le difficoltà di questa coppia tormentata durante tutto il film. Come ha lavorato a costruire la relazione tra Sean e Martha? Come ha preparato i suoi attori?
Kornél Mundruczó: L'idea di base per loro era di seguire due diversi processi. Mentre Martha è completamente isolata e desidera ardentemente la sua persona perduta - per lei, quella persona [la figlia appena nata] è una presenza, qualcosa di quasi vivo - per Sean, è più che altro l'opposto. Vuole andare avanti ma tornando a tempi migliori. Vuole solo riavere la "vecchia Martha", la donna che conosceva prima che avvenisse quella tragedia. Questa è la dinamica dietro la loro relazione, e l'unica cosa che può accadere è che si lascino, anche se, in fondo, si amano ancora, in qualche modo. Questo è ciò che spinge Sean a riprovarci, spingendo anche la moglie a farlo, ma troppo presto. Quindi Sean inizia ad autodistruggersi, che è una tendenza collegata al suo passato, e crede che Martha si riprenderà se lui si allontana. La scena in aeroporto fa capire che sono ancora innamorati: non c'è stato nessun litigio, ma hanno bisogno di separarsi. Durante la fase di ripresa, ho dato molta libertà a Shia e Vanessa. Hanno trovato le loro ragioni per interpretare i loro ruoli in quel modo, mentre io seguivo di più le emozioni.

Che tipo di qualità cercava mentre sceglieva i ruoli secondari?
K.M.: Non sa quanto sono grato al mio cast. Sebbene i ruoli di Shia LaBeouf e Vanessa Kirby siano i principali, Molly Parker [l'attrice che interpreta Eva], per esempio, ha fatto un lavoro straordinario e ha girato con noi solo per tre giorni. Per quelle due scene, tuttavia, il suo peso è stato davvero significativo. La cosa più importante era scegliere attori che funzionassero bene insieme. Il film sembra un po' uno spettacolo teatrale e c’è bisogno di attori molto bravi per questo tipo di lavoro.

Come ha lavorato con il direttore della fotografia per avere quel particolare punto di vista nel film?
K.M.: Abbiamo usato un solo strumento, chiamato gimbal, e abbiamo girato l'intero film con quello. Abbiamo utilizzato un unico obiettivo, un Panavision Zoom, un obiettivo vintage degli anni '90 che offre quella peculiare qualità cinematografica. In ogni caso, l'idea principale era solo quella di far funzionare la macchina da presa in modo abbastanza “spirituale”, quasi come un'anima che fluttua intorno ai personaggi. Inoltre, non volevamo utilizzare la camera a mano per dare la sensazione che il punto di vista fosse quello di una persona. Alla fine questo è diventato il linguaggio del film, il che è ottimo anche per gli attori, che hanno guadagnato molta più libertà davanti alla telecamera.

Qual è stata la parte più impegnativa del suo lavoro sul set?
K.M.: La velocità. Devi filmare due o tre scene al giorno e abbiamo girato tutto il film in 30 giorni. È un tempo molto limitato: in Europa, si sarebbe potuto farlo in 45 giorni. Ma gli attori erano ben preparati, erano molto carichi ogni giorno. Un'altra sfida di produzione è stata come imbrogliare e imitare le stagioni [il film è stato girato a Montreal, e la storia inizia in autunno e finisce in primavera], uno sforzo che richiede denaro e creatività.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Ernesto Leotta)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy