email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VENEZIA 2020 Orizzonti

Uberto Pasolini • Regista di Nowhere Special

"La morte è ciò che rende la vita importante"

di 

- VENEZIA 2020: Abbiamo parlato con l'acclamato produttore e regista Uberto Pasolini del titolo del suo ritorno a Venezia, Nowhere Special

Uberto Pasolini • Regista di Nowhere Special
(© La Biennale di Venezia/Foto ASAC/Andrea Avezzù)

Dopo il suo Still Life [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Uberto Pasolini
scheda film
]
del 2013, Uberto Pasolini è stato nuovamente accolto alla Mostra del Cinema di Venezia - ora nella sezione Orizzonti con Nowhere Special [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Uberto Pasolini
scheda film
]
, su un padre single e malato terminale (James Norton), che cerca di trovare la famiglia giusta per il figlio piccolo.

Cineuropa: L'ultima volta che abbiamo parlato di Still Life, ha detto che era un film sulla vita, non sulla morte. Ora potrebbe praticamente ripetere la stessa cosa, no?
Uberto Pasolini: Questo film parla di accettare la morte, in un certo senso, ma parla di due personaggi, non uno solo. Il modo in cui entriamo nella storia, anche se non necessariamente il modo in cui la finiamo, è dal punto di vista del padre, in termini di come gestire ciò che sta accadendo e come nascondere al figlio ciò che sta accadendo. È un viaggio verso la comprensione dei suoi obblighi nei suoi confronti, preparandolo a un futuro diverso. Quindi sì, riguarda la vita, ma la morte è ciò che la rende importante. Ne è solo un esempio estremo, un esempio che ho trovato ancora una volta su un giornale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Lei mostra l'assurdità del processo di adozione – il padre deve prendere la decisione più importante della sua vita sulla base di un breve incontro. Non sai se questi potenziali genitori stanno fingendo serenità o stanno passando una brutta giornata.
Vorrei sottolineare che questa situazione è piuttosto rara. Normalmente, che si tratti di adozione o affidamento, il genitore non è coinvolto. O sono morti o il bambino è stato portato via, quindi le decisioni vengono prese dalle agenzie o dagli assistenti sociali. Questa volta John è coinvolto, ma sta morendo. La madre di suo figlio se n'è andata, quindi la responsabilità di prendere questa decisione è sua. È molto strano, molto difficile e spero che questo viaggio lo rifletta. Per come la vedevo io, all'inizio, ha questa chiara immagine di ciò che vuole offrire a suo figlio. Poi, gradualmente, vede che ciò che è davvero adatto al figlio potrebbe non essere ciò che inizialmente pensava.

Deve anche decidere se vuole che suo figlio sappia della sua esistenza. Anche solo tramite una "scatola dei ricordi", dove la gente lascia qualcosa per i propri figli come ricordo.
È questa l'idea che, a un certo punto, il bambino avrà il diritto di sapere chi erano i suoi genitori biologici, e se quel desiderio entra in gioco, dovrebbe essere esaudito. Aiuta il bambino, che ora non è più un bambino, a capire da dove viene. Ma quando incontriamo per la prima volta questa coppia, John vuole che suo figlio vada avanti. All'inizio pensa sia meglio se dimentica cos’è successo.

Quando ho scoperto quest’articolo, ero anche interessato al motivo per cui le persone adottano e al modo in cui prendono queste decisioni. Ho letto tonnellate di materiale, intervistato persone, e a volte è come un matrimonio: o ti piace qualcuno oppure no. Certo, vengono controllati dalle agenzie, quindi non sono persone cattive, ma sono persone diverse motivate da ragioni diverse.

Sembra che lei riesca a ottenere interpretazioni molto tenere, prima quella di Eddie Marsan e ora quella di James Norton. Come procede?
Serve solo un grande attore [ride]. E poi opti per un'esibizione di basso profilo, discreta, perché non mi piace il melodramma. Tenendo tutto dentro, rendendo ciò che è drammatico sulla carta non drammatico sullo schermo, lo rendono potente. È proprio questo che mi piace: mi piacciono le cose soft, che ti colgono alla sprovvista. Più drammatica è la situazione, più basso è il volume che desidero. Più è basso, più ti avvicini all'altoparlante. Le cose ti entrano meglio sotto la pelle.

John è più un ascoltatore che un chiacchierone, ma gli affida una scena in cui si apre con le parole.
Proprio come John May di Eddie Marsan [da Still Life], sono persone che non esprimono molto e che conducono, a modo loro, vite solitarie. Uno si dedicava al suo lavoro, l'altro a suo figlio. È lì che finiscono i loro mondi, in un certo senso. Ma poi si aprono, come nella ricerca di questi genitori da parte di John. Nella scena a cui si riferisce, esprime dubbi sulla sua capacità di prendere una decisione. È una cosa molto coraggiosa da fare, ma è un momento di disperazione: tutto il suo dramma interiore viene a galla. Porta questo fardello, che diventa sempre più pesante, anche perché cerca di salvaguardare l'anima del figlio. Se puoi condividerlo forse è più facile, ma lui pensa di non riuscirci - non con la persona che conta, a causa della sua età e per l'effetto che avrebbe su di lui.

È stato interessante mostrare un padre, piuttosto che una madre, che affronta qualcosa del genere?
In genere, il genitore single di solito è una donna. Gli uomini se ne vanno e le donne tendono a restare, grazie a Dio. Questa situazione era particolarmente insolita perché non solo è rimasto, ma non aveva nemmeno una famiglia su cui fare affidamento. Riesco a relazionarmi più facilmente con gli uomini - le donne sono un meraviglioso mistero per me, anche nella mia vecchiaia. Era più facile entrare nella testa di un padre, poiché anch'io lo sono - di tre ragazze. Parte di quell’esperienza è entrata nel film, immagino.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Ernesto Leotta)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy