email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VENEZIA 2020 Concorso

Julia von Heinz • Regista di And Tomorrow the Entire World

"Sono io la mia ricerca, ho sperimentato molto di questo io stessa"

di 

- VENEZIA 2020: Ci siamo seduti con Julia von Heinz per saperne di più del suo film in concorso And Tomorrow the Entire World

Julia von Heinz • Regista di And Tomorrow the Entire World
(© La Biennale di Venezia/Foto ASAC/Jacopo Salvi)

Anche se And Tomorrow the Entire World [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Julia von Heinz
scheda film
]
di Julia von Heinz è basato sulla sua esperienza personale e creato istintivamente per il pubblico tedesco, il film è stato poi "magicamente" selezionato in concorso alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Come abbiamo scoperto, la regista è sorpresa dall'universalità della sua storia sui giovani attivisti che prendono parte al movimento antifascista tedesco.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Come relazionerebbe la sua esperienza personale alla storia del film?
Julia von Heinz:
È un film molto personale. Ho avuto le mie esperienze negli anni '90, quando il neonazismo era un nuovo fenomeno in Germania. La mia esperienza si è svolta durante un intero decennio, quindi quello che Luisa ha vissuto in un breve periodo mi è accaduto tra i 15 e i 25 anni, un periodo lungo e intenso della mia vita. Gli anni '90 sono stati brutti: abbiamo avuto attacchi di destra, case bruciate, uccisioni... Poi tutto si è calmato. Avevamo più fiducia nella democrazia e che le cose si sarebbero sistemate, ma circa tre o quattro anni fa le cose sono peggiorate di nuovo. Volevo innanzitutto raccontare una storia sugli anni '90, ma poi si è presentato il partito AfD, Alternative for Germany, e molte persone hanno votato per loro. C'erano forti legami con gruppi di destra, quindi il mio co-sceneggiatore John Quester ed io abbiamo deciso di spostare la storia al qui e ora.

La situazione in Germania è molto specifica per vari motivi, vista la storia sia della prima che della seconda metà del secolo scorso. Come ha fatto a narrarla in modo che anche un pubblico internazionale potesse seguire gli eventi?
In realtà non l'ho fatto! Ho raccontato una storia molto specifica, tedesca, persino tedesca occidentale, che si svolge a Mannheim, una città relativamente piccola. Questa è una storia regionale, o almeno così pensavo. Ma negli ultimi giorni ho parlato con persone provenienti da Italia, Ungheria, Belgio, Polonia e Stati Uniti, e loro riescono a connettersi con quello che racconto. Sto cercando di rimanere modesta, ma comincio a pensare che potrebbe funzionare in altri paesi. In realtà, ancora non riesco a credere che il film sia stato invitato a Venezia: è una magia. Quindi, anche se quest'anno è molto particolare, con le restrizioni del COVID-19 e le mascherine, è sempre così prestigioso per me. Sono al settimo cielo.

Ha fatto molte ricerche?
Sono io la mia ricerca, ho sperimentato molto di questo io stessa, ed è tutto nella mia testa. Ma alcune cose sono cambiate: per esempio, i giovani di sinistra di oggi si impegnano per il clima, i diritti di genere e transgender, e i diritti degli animali, cose che condivido, mentre noi discutevamo di questioni "grandi", come il capitalismo. Inoltre, negli anni '90 non c'erano i telefoni cellulari, cosa che, ovviamente, abbiamo dovuto scrivere nella storia, per diversi motivi.

Luisa proviene da una famiglia di nobili: suo padre è in realtà un barone, e vive in una grande tenuta con tanto di feste di caccia e così via. Il suo stesso cognome sembra appartenere a una classe simile.
Lo è. Non siamo così in alto in termini di classe; non andavamo mai a caccia e vivevamo in un appartamento. Ma ho realizzato un documentario intitolato Noble Commitments, con protagoniste tre donne che sono così, in pieno. L'anno che ho passato con loro per quel film è diventato una ricerca preziosa per questo film. Luisa si sente in colpa a causa di tutto questo privilegio e sente di dover dimostrare ancora di più a se stessa. Conosco bene quella sensazione.

È forse una "champagne socialist", o quello che voi tedeschi chiamate una Salonkommunist?
Totalmente. È uno dei temi principali del film. Il privilegio bianco nell'attivismo di sinistra – e poi se ne possono andare. Proprio come il personaggio maschile principale del film, Alfa: suo padre è un professore, lui stesso studia e ha già in mente una vita dopo l'attivismo. All'inizio questo delude Luisa, ma per lei è davvero lo stesso. Per me era importante fornire loro questi background.

Lei cita persino quel noto detto: "Chiunque sotto i 30 anni che non è di sinistra non ha cuore...".
"... e chiunque lo è ancora oltre i 40 anni non ha cervello". Me lo diceva mio padre. Ma ora ho più di 40 anni e ho fatto un film che mostra che il mio cuore è ancora attivo. E ho anche un cervello. Quindi questo vecchio detto potrebbe essere falso.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy