email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SAN SEBASTIAN 2020 Concorso

Antonio Méndez Esparza • Regista di Courtroom 3H

"Quando mi imbatto in una situazione inaspettata, cerco di abbracciarla"

di 

- Il regista madrileno Antonio Méndez Esparza torna in corsa per la Conchiglia d'Oro, questa volta con un documentario girato in un tribunale della famiglia in Florida, Courtroom 3H

Antonio Méndez Esparza • Regista di Courtroom 3H
(© Jorge Fuembuena/Festival de San Sebastián)

Tre anni fa abbiamo avuto la fortuna di dialogare con Antonio Méndez Esparza, che era in concorso al Festival di San Sebastian con La vida y nada más [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Antonio Méndez Esparza
scheda film
]
. Ora torna nella sezione ufficiale della manifestazione con Courtroom 3H [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Antonio Méndez Esparza
scheda film
]
, la sua prima incursione nel genere non fiction, prodotta, come tutti i suoi lungometraggi, da Pedro Hernández di Aquí y Allí Films. Ancora una volta, il regista ci riceve in una mattina di sole a San Sebastian.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Dopo aver vinto, con il suo ultimo lungometraggio di finzione, il premio John Cassavetes agli Independent Spirit Awards, ha deciso di girare un documentario, invece di realizzare film di supereroi, come fanno gli altri registi quando sbancano il jackpot...
Antonio Méndez Esparza:
Ebbene sì, i supereroi non mi chiamano... per ora; penso che stiano per farlo (ride). Anche se il giudice di famiglia che appare nel mio film quasi lo è: è un grande uomo, anche se può sbagliarsi, ovviamente. È una persona che crede nel sistema, che sa che ha i suoi problemi e difetti. Inoltre, è stato disponibile a esporsi nel film e in questo devo dire che provo una grande ammirazione per lui. Non volevo che il film fosse un’ode nei suoi confronti, ma volevo mostrare un uomo che ha i suoi meriti.

Guardando il film, lo spettatore non può fare a meno di mettersi nei panni di questo giudice e arriva a dubitare delle proprie opinioni, soprattutto in questioni così complicate e complesse come quelle che appaiono sullo schermo...
Certo... estremamente complesse. Mi ha raccontato che in alcuni casi ha dovuto prendere decisioni difficili, perché lì in Florida c'è ancora la pena di morte. È in magistratura da più di venti anni e prima era in un tribunale penale, dove bisognava prendere decisioni di enorme peso, anche più di quelle che prende ora in questo tribunale della famiglia.

Lo conosceva già dal suo film precedente?
Sì, da La vida y nada más, ma come ogni film di finzione, ti offre limiti molto stretti. Nella sua aula di tribunale, ho potuto vedere che la realtà era molto più sfumata, e ho voluto abbracciare quell’intero vasto arazzo, un'infinità di casi, che rende la realtà più convulsa di quanto la finzione a volte ti fa vedere. Ho sempre cercato di fuggire dalla finzione imposta per abbracciare la realtà che trovavo, con diversa fortuna. In questo caso non c'è nemmeno una trama: abbiamo solo sistemato la videocamera e abbiamo cercato di dimenticarcene.

E con quel materiale filmato, su cosa si è basato per strutturare la sceneggiatura del film?
È stato molto complicato e alla fine l'abbiamo diviso in due parti: una prima, quando si stanno preparando le cause, con una moltitudine di casi in varie fasi del processo, che affrontano lo Stato in condizioni più o meno vantaggiose; la seconda parte è già il conflitto, il giorno della battaglia, della guerra, del giudizio. Nella prima parte abbiamo cercato di creare un'unità emotiva e nella seconda abbiamo deciso di concentrarci solo su due casi, perché in due mesi di riprese avevamo registrato solo cinque processi, giacché molti si risolvono in via extragiudiziale. Anche così, abbiamo visto molti genitori perdere la custodia dei loro figli...

Le persone che appaiono in Courtroom 3H hanno dovuto cedere i loro diritti di immagine?
I bambini sono tutti pixelati, tranne quelli i cui genitori ci hanno dato il permesso di non farlo. Abbiamo rispettato il primo articolo della Costituzione, sulla libertà di stampa: questi processi sono pubblici e aperti ai media.

Anche avvocati e pubblici ministeri diventano personaggi centrali...
Sì, sono quasi i protagonisti. È successo durante le riprese, perché l'idea del film era di concentrare l'attenzione sulle famiglie. Abbiamo capito chi aveva la responsabilità più grande e chi ha combattuto di più: è qui che è entrato l'artificio-cinema.

Ecco perché la camera all'inizio è lontana e si avvicina ai volti verso la fine...
Mentre stavamo girando, ci siamo resi conto che gli avvocati dovevano essere trattati in modo diverso: ai processi dovevamo posizionare la telecamera in modo diverso, e abbiamo cercato di mantenere una mente aperta e lavorare con ciò che è venuto fuori. Per questo alla fine il film è più drammatico.

Era nei suoi sogni girare un film in tribunale?
In Courtroom 3H ci sono alcuni aspetti che sono strettamente influenzati da quei film e altri che lo sono meno. Allo stesso modo, ci sono programmi tv giudiziari che ho sempre detestato, perché sono l'esatto contrario di una conversazione. D’altra parte, nel cinema c'è una tradizione dell'avvocato come star, che ho voluto evitare; e un’altra del difensore d’ufficio come un tipo senza scrupoli. Io, quando mi imbatto in una situazione che non mi aspetto, cerco di abbracciarla: soprattutto quando contraddice il cinema commerciale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy