email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SAN SEBASTIAN 2020 Proiezioni RTVE

Cesc Gay • Regista di Sentimental

"La risata è la migliore terapia per tutto"

di 

- Il cineasta catalano Cesc Gay presenta il suo ultimo lungometraggio, Sentimental, adattamento di una sua pièce teatrale, e ne parla con noi

Cesc Gay • Regista di Sentimental
(© Jorge Fuembuena/Festival de San Sebastián)

All'interno del 68º Festival del cinema di San Sebastian, e un mese prima della sua uscita nelle sale, viene presentato il nuovo film di Cesc Gay. Si tratta di Sentimental [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Cesc Gay
scheda film
]
, adattamento cinematografico della sua opera teatrale di successo Los vecinos de arriba, che vede come protagonisti davanti alla macchina da presa gli spagnoli Javier Cámara, Belén Cuesta, Alberto San Juan e l'argentina Griselda Siciliani.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Una domanda necessaria e più che ovvia, visto che Sentimental è l'adattamento cinematografico di un’opera teatrale, di cui lei è l’autore. Perché lo ha fatto e cosa ha dovuto cambiare, lasciare o migliorare?
Cesc Gay:
Sempre, in ogni adattamento, teatrale o letterario, devi vedere cosa tenere e cosa scartare. Quali sono le cose che funzioneranno in un film e quali no. Ci sono molte somiglianze, ma anche molte differenze fra teatro e cinema. In questo caso, quando ho scritto il testo avevo un occhio su entrambi i lati, quindi non è stato troppo complicato.

È lo stesso cast dell'opera teatrale? Mi sembra di ricordare altri nomi...
No. L'idea era di partire da zero. Né con il cast che avevo a Barcellona, ​​né con quello di Madrid. Lavorare con nuovi attori è sempre un incentivo a ripensare l’intera proposta.

È stato costruito un set per girare il film o è un appartamento enorme e bellissimo il luogo dove si svolge l'azione?
È stato costruito un set: in questo modo abbiamo potuto progettare e controllare meglio le riprese. Non è qualcosa che faccio di solito e mi è piaciuto molto come regista.

Carnage di Roman Polanski, Chi ha paura di Virginia Woolf? di Mike Nichols... Con quali altri film di coppie chiuse in una casa le piacerebbe venisse paragonato il suo film?
Questi due, senza dubbio, e poi ci sono anche molte commedie americane degli anni Quaranta e Cinquanta. Il ritmo e il dialogo delle screwball comedies sono stati la mia guida per questo progetto.

Sentimental è dedicato a una persona che è strettamente legata al Festival di San Sebastian... Pensa che sarebbe stata particolarmente contenta di vedere il suo film al festival?
Jose María Riba
è stato il mio scopritore in un certo senso, quando selezionò Krámpack [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
per partecipare alla Semaine de la Critique del Festival di Cannes vent'anni fa. Da allora ci ha sempre dato la sua opinione e ci ha aiutato con i film che abbiamo realizzato. E inoltre, e soprattutto, era un uomo eccezionale.

Javier Cámara, Alberto San Juan e Jorge Drexler. Le piace sempre lavorare con gli artisti della sua "factory"?
Sì, mi piace molto lavorare in famiglia.

Che cosa viene fuori da ognuno di noi quando affrontiamo qualcuno di totalmente diverso?
A volte viene fuori il meglio e a volte il peggio. E nel contesto di commedia del film, tutto è possibile.

La casa come territorio inespugnabile... ma può anche essere un focolaio di disfunzioni, lasciate a cuocere a fuoco lento per troppo tempo?
In coppia, come in casa, di tanto in tanto bisogna aprire le finestre e far passare l'aria, svuotare armadi, cassetti, pulire e riordinare le cose, ma di solito facciamo il contrario. È più comodo guardare dall'altra parte e lasciare che i conflitti e le incomprensioni si accumulino, sperando che passino da soli.

La risata è la migliore terapia per le nostre nevrosi?
La risata è la migliore terapia per tutto: vivere la vita senza ridere e senza senso dell'umorismo porta a essere persone amare. Senza dubbio, in politica e nel quotidiano, le cose andrebbero molto meglio per noi se fossimo vaccinati con una dose extra di umorismo. Prendere le cose troppo sul serio non fa bene alla salute.

Per concludere, il sesso è il miglior tabù per rompere il ghiaccio e tagliar corto ogni chiacchiera?
C'è chi non smette di parlare nemmeno mentre fa sesso.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy