email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SAN SEBASTIAN 2020 Concorso

Dea Kulumbegashvili • Regista di Beginning

"In Georgia, come donna, sei abituata ad accettare il fatto che non conti davvero"

di 

- Dea Kulumbegashvili ci parla del suo film d'esordio, Beginning, che ha sbancato a San Sebastián vincendo la Conchiglia d'Oro e i titoli di miglior regista, sceneggiatura e attrice

Dea Kulumbegashvili  • Regista di Beginning
(© Alex Abril/Festival de San Sebastián)

Cineuropa ha incontrato Dea Kulumbegashvili al Festival di San Sebastian per parlare del suo primo lungometraggio vincitore della Conchiglia d’Oro, Beginning [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Dea Kulumbegashvili
scheda film
]
, della sua decisione di guardare ai Testimoni di Geova, del ruolo della religione e della femminilità in Georgia.

Cineuropa: Perché ha deciso di mettere la comunità dei Testimoni di Geova al centro di Beginning?
Dea Kulumbegashvili:
Cinque anni fa, stavo facendo visita a mio padre nel villaggio dove viveva, e mi lui parlava di queste persone che sono imparentate con la nostra famiglia e che vengono da questo villaggio. Diceva: “Di solito vanno alle adunanze nella Sala del Regno e la loro macchina è rotta, e nessuno vuole dar loro un passaggio, anche se devono percorrere chilometri per raggiungere il luogo di culto. Adesso, ogni settimana li porto io". Chiesi a mio padre: "Vuoi solo dare una mano?". Perché, direi, non condivideva molto la scelta che questi parenti avevano fatto di convertirsi ai Testimoni di Geova. Come essere umano, si sentiva in colpa per queste persone che erano state così ostracizzate dalla comunità in cui erano cresciute, e dal luogo che era la loro casa. Poi mio padre è morto, e queste persone sono venute al funerale e hanno iniziato a parlare con me.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

In che modo quella conversazione l’ha influenzata?
Ho iniziato a vedere che è un gruppo di persone molto complesso. Ed è un problema molto complesso quello che stiamo affrontando: da un lato, sono davvero esclusi dalla comunità e dal luogo in cui sono cresciuti, ma dall'altro la struttura di questo gruppo religioso è molto particolare. Quindi, ho iniziato a interessarmi a come vivono. Mi interessava molto il tema dell'alienazione e di come, a causa delle scelte personali che fai, all'improvviso puoi iniziare a sentirti un estraneo, anche tra le persone con cui sei cresciuto. E mi interessa il tema della religione, in generale.

La protagonista, Yana, interpretata dalla pluripremiata Ia Sukhitashvili, è una ex attrice che rinuncia alla sua carriera per la religione del marito. Qual è l'aspetto della femminilità che voleva esplorare?
Quando cresci in Georgia, come donna, sei addestrata a essere altruista, in un certo senso. Quindi, a partire dalla tua infanzia, tutto ciò che fai, non è per te, è per il tuo futuro: che tipo di madre sarai, che tipo di moglie sarai... Sei abituata ad accettare il fatto che non conti davvero. E sono molto interessata all'argomento di cosa significa essere una donna. Penso che con tutte le attuali preoccupazioni sull'emancipazione delle donne, questo argomento e questo problema vadano ben oltre i diritti umani o il semplice discorso della parità. E non è solo in Georgia; direi che ci sono molti altri paesi in cui questi problemi sono molto più rilevanti e problematici.

La Georgia è passata dall'essere uno stato comunista e ateo alla religione, con le sue ricadute sulla società. Come ha assistito a questo?
Mentre crescevo, c'è stata la prima ondata di cristianesimo estremo che ha colpito la Georgia. Quello che ho capito è che le persone hanno bisogno di credere in qualcosa di più grande di noi. A volte è lo Stato, a volte sono gli ideali comunisti, a volte è la religione. Penso che quando il comunismo fallì, le persone iniziarono a cercare disperatamente di sostituire il sogno con qualcos'altro, e la religione era lì. Mia sorella ed io iniziammo ad andare in chiesa, anche se mia nonna era atea.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy