email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

LES ARCS 2020

Jasmila Žbanić • Regista di Quo Vadis, Aida?

"Come esseri umani, abbiamo sempre speranza"

di 

- Abbiamo parlato con Jasmila Žbanić, regista di Quo Vadis, Aida?, il titolo candidato all'Oscar per la Bosnia Erzegovina, proiettato a Les Arcs

Jasmila Žbanić  • Regista di Quo Vadis, Aida?
(© Deblokada/Imrana Kapetanovic)

Proiettato nell’edizione Hors Piste del Festival di Les Arcs dopo la sua prima mondiale a Venezia, Quo Vadis, Aida? [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jasmila Žbanić
scheda film
]
mostra una traduttrice (Jasna Đuričić) che lavora per le Nazioni Unite a Srebrenica nel 1995. Ma quando l'esercito serbo prende il sopravvento, migliaia di persone iniziano a cercare rifugio, inclusa la sua stessa famiglia. Abbiamo parlato con la regista Jasmila Žbanić del film.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Quando si parla di eventi storici, è difficile dimenticare cosa è successo dopo [il massacro di Srebrenica, che provocò la morte di 8.372 persone]. Ma il suo film, proprio come Dunkirk [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, ti fa sentire come se fossi davvero lì, senza alcuna idea del futuro.
Jasmila Žbanić:
Volevo che le persone sentissero com'era, che si chiedessero: "Cosa farei io?". Per identificarsi con Aida e andare dove va. Volevo che il pubblico fosse attivo, e con tragedie come l'Olocausto, la gente sa cosa è successo, quindi puoi entrare direttamente nella storia. Qui, al di fuori della nostra società, non sanno esattamente cosa è successo a Srebrenica – avevo bisogno che capissero chi è chi e qual è la premessa. Sì, le persone conoscono il risultato, ma questo film parla più di come è successo e di quali dilemmi può avere una madre in una situazione come questa.

Voleva mostrare il conflitto di qualcuno che, come traduttore, si rende conto che c'è di più rispetto alla versione ufficiale della storia?
Lei si trova tra due mondi: lavora per le Nazioni Unite, ma fa parte della comunità locale. Ci sono privilegi che derivano dal suo badge, ma è bosniaca e la sua famiglia condivide il destino degli altri. Quando ho scoperto tutte queste storie di vita reale, una riguardava un traduttore che doveva tradurre, alla sua stessa famiglia, che dovevano lasciare la base, il che significava che sarebbero stati uccisi. Ho pensato che fosse la cosa più brutale, dover dire alla tua famiglia: "Devi andartene!". Come se fossi tu a condannarli. L'altro motivo per cui volevo che Aida fosse una traduttrice era avere una donna che lavora come personaggio. Lei fa tutto ciò che può, ma in questi momenti gli sforzi individuali sono solo una goccia nell'oceano.

Siamo abituati a sentirci dire che alla fine c’è speranza.
Come esseri umani, abbiamo sempre la speranza, anche nelle situazioni più terribili. Ecco perché non avevo bisogno di metterlo nel film come meccanismo: è già dentro di noi. Anche se le persone sanno come andrà a finire la storia, sperano lo stesso. Tante volte, quando ho letto le dichiarazioni dei testimoni, ho pensato: "Perché non ti sei reso conto di ciò che stava accadendo?". Non potevano, perché la gente sperava che le Nazioni Unite avrebbero aiutato, che era sicuramente impossibile che sarebbero stati uccisi. La speranza può salvarci, ma a volte ci rende ciechi.

Un'altra cosa che tendiamo a fare, come esseri umani, è dimenticare. O almeno provare a "tornare alla normalità".
Per me, non si trattava tanto di dimenticare: credo che nessuno abbia dimenticato. Ma la vita è una tale cascata, ha un tale potere che non puoi fermarla. Vivere nella Bosnia del dopoguerra ha molte sfaccettature diverse: le persone responsabili degli omicidi detengono ancora posizioni di potere, e i vicini che facevano parte della macchina criminale fingono di non aver mai fatto nulla. Non è che tutti i criminali siano in prigione adesso e solo le brave persone stanno costruendo il paese. 1.700 corpi non sono ancora stati trovati e, dopo 25 anni, le madri li stanno ancora cercando per seppellire i loro figli. C'è ancora così tanta negazione. La metà del mio paese, a maggioranza serbo-bosniaca, rifiuta il film, sostenendo che è anti-serbo. Gli attori che hanno interpretato Aida e il generale Ratko Mladić [Boris Isakovic], che sono serbi, stanno ricevendo lettere di odio e vengono chiamati traditori dai media. Ovviamente non siamo tornati alla normalità, ma cos'è "normale"?

La performance di Jasna Đuričić si basa su reazioni rapide e risposte veloci. Avete provato prima?
Aida fa sempre due cose contemporaneamente: è determinata, ma c'è sempre questo sospetto che incombe sulla sua testa. È coraggiosa ma terribilmente spaventata. Ottimista, ma allo stesso tempo pensa al peggio. Sono stata fortunata che abbiamo avuto il tempo di prepararci, di ripercorrere l'intera storia sul posto. Le riprese non sono state continuative, quindi queste prove hanno aiutato gli attori a memorizzare quale fosse il ritmo di una certa scena, e quale velocità, energia ed emozioni fossero nel loro corpo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy