email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SUNDANCE 2021 Midnight

Prano Bailey-Bond • Regista di Censor

"Sono un'appassionata di video nasties"

di 

- Abbiamo incontrato la regista gallese per parlare del suo suggestivo esordio, film d'apertura dell'inquietante sezione Midnight del Sundance

Prano Bailey-Bond • Regista di Censor

La regista gallese Prano Bailey-Bond ci ha parlato del suo suggestivo lungometraggio d’esordio, Censor [+leggi anche:
recensione
intervista: Prano Bailey-Bond
scheda film
]
, film d’apertura dell’inquietante sezione Midnight del Sundance Film Festival.

Cineuropa: Qual è stata la genesi di Censor?
Prano Bailey-Bond:
Tutto è iniziato con me che ho letto questo articolo su una rivista horror: si trattava di censori cinematografici che lavoravano durante l'era Hammer Horror e delle cose che cercavano di tagliare da un film.Mi ha fatto sorgere una domanda: se si suppone che i film violenti spingano una persona a commettere atti violenti, cosa protegge il censore dal perdere il controllo?Questo è stato il vero punto di partenza, e da lì ho approfondito l'intero argomento.Sono anche una grande fan di alcuni dei film usciti dall'era "video-nasty".Quel periodo è assolutamente affascinante quando si tratta di censura e di reazione delle società all'orrore, quindi è stato facile concentrarsi su quel momento.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Perché il periodo dei video nasties la colpisce?
Sono ossessionata dall'era video-nasty, sia perché amo molti dei film di quel periodo, sia perché la reazione del Regno Unito ad essi è stata così estrema. Trovo il tutto totalmente affascinante. Anche il lavoro di un censore di film è unico: bisogna esaminare i film con un punto di vista sia soggettivo che oggettivo allo stesso tempo, e pensare a loro che lavorano in questo clima di isteria attorno ai film dell'orrore, essendo la linea di giudizio morale, rende solo il lavoro più complesso e interessante. E i film horror usciti in questo periodo – come La casa, Non aprite quella porta, Suspiria – sono i film con cui la mia generazione è cresciuta.Di conseguenza, hanno ispirato così tanti registi horror che lavorano oggi.

Sembra piacevolmente un giallo; quali sono state le sue influenze?
È bello che le sia sembrato un giallo.Ho tratto ispirazione da molti posti diversi, davvero.Ci sono i film all'interno del film, e sono sempre stata ispirata da registi come Lucio Fulci e Dario Argento, quindi ho voluto attingere agli stili dei loro film perché erano quelli che funzionavano all'epoca.Poi, per il mondo reale del film – la grigia Gran Bretagna degli anni '80 – ho guardato la fotografia di vita reale del periodo.Fotografi come Paul Graham e Martin Parr, che hanno catturato nelle loro immagini la Gran Bretagna quotidiana, quasi banale degli anni '80, sono stati molto influenti.

Niamh Algar offre una performance eccellente; è stato difficile trovare Enid?
Abbiamo lavorato con una brillante direttrice del casting di nome Nanw Rowlands, che è stata assolutamente fantastica. Abbiamo visto molte persone per il ruolo di Enid, in parte perché non c'era un'età specifica che doveva avere, quindi potevamo essere aperti nel vedere attrici di età diverse. Niamh è entrata e ci ha subito lasciati senza fiato. L'avevo già incontrata nell’ambito del programma Screen Stars of Tomorrow e l'avevo vista in The Virtues, quindi sapevo che era un talento straordinario e una persona adorabile, ma quando ha fatto il provino, si è sintonizzata su Enidcompletamente.

Come ha fatto a catturare l'epoca?
La mia direttrice della fotografia, Annika Summerson ed io abbiamo deciso fin dall'inizio di girare su pellicola, quindi abbiamo girato su Kodak 35mm, con alcune riprese aggiuntive su altri formati, come VHS e Super 8mm. Girare su pellicola ha davvero favorito il look dell'epoca a cui miravamo. Anche il design dei costumi è stato fondamentale per ottenere l’aspetto d'epoca e la nostra costumista, Saffron Cullane, ha fatto un lavoro incredibile.È così dettagliata, ha persino acquistato la biancheria intima del periodo, anche se non la vediamo mai.Voleva ottenere la forma dei vestiti il più precisa possibile.Gli effetti sono sia della fotocamera che VFX in post-produzione.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy