email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

IFFR 2021 Concorso Tiger

Norika Sefa • Regista di Looking for Venera

"Non volevo che il film sfruttasse la povertà dei paesi balcanici"

di 

- Abbiamo parlato con la regista kosovara, il cui primo lungometraggio è stato presentato nel concorso Tiger dell'International Film Festival Rotterdam

Norika Sefa • Regista di Looking for Venera

La regista kosovara residente a Praga Norika Sefa ha presentato il suo primo lungometraggio Looking for Venera [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Norika Sefa
scheda film
]
nel concorso Tiger dell'IFFR. Il suo dramma di formazione è stato girato in Kosovo con un cast composto principalmente da non attori. Voleva mostrare un'immagine del Kosovo lontana dagli stereotipi esotici, e ci ha raccontato le principali sfide nella produzione del film e come ha lavorato con i suoi attori.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Come ha sviluppato la storia? Qual è stata la sua ispirazione?
Norika Sefa:
Volevo raccontare una storia ambientata in Kosovo, ma che non riproducesse gli stereotipi per i quali il paese è conosciuto all'estero. Quindi, fondamentalmente, non volevo mostrare alcuni costumi tradizionali né evocare un'atmosfera esotica. Non volevo che il film sfruttasse la povertà dei paesi balcanici. Tuttavia, la tradizione stessa è il fulcro della storia, così come la famiglia. Io stessa sono cresciuta in una grande famiglia e quindi questo è un tema a me caro. Vivendo da molti anni all'estero, ero anche un po' incerta su come sarebbe stato il mio approccio. Volevo che il film avesse molti strati, ma con un focus sulle relazioni. Tutto dall'esterno come la natura, per esempio, sarebbe apparso solo attraverso i personaggi. Ero curiosa di sapere cosa sarebbe venuto fuori dallo sviluppo dei personaggi e come l'interpretazione degli attori avrebbe potuto influenzare il film.

È stato difficile ottenere i finanziamenti per il film?
Abbiamo ricevuto dei finanziamenti dal Kosovo Cinematography Center, ma non erano sufficienti. Per questo abbiamo avuto bisogno anche della coproduzione con la Macedonia. Questa è stata molto importante, poiché ha reso possibile il processo di post-produzione.

Come ha trovato le sue due attrici principali?
Abbiamo visto molte ragazze, circa 1000, visitando diverse città. Ad un certo punto, la ragazza che avrebbe interpretato il ruolo di Venera cantava ad alta voce fuori dalla scuola ed è stato così che l'abbiamo trovata. In Kosovo, le persone hanno un rapporto difficile con la telecamera. Il paese e la gente sono molto presenti nelle notizie, quindi la stampa spesso punta su di loro le telecamere. Era importante, quando abbiamo iniziato con il film, che non li lasciassimo pensare troppo alla telecamera prima. Vivevamo nella casa in cui avremmo girato, provando, facendo sentire gli attori a proprio agio con il loro nuovo ambiente. All'inizio, la camera non era accesa. Volevo che tutto fosse ben radicato nella realtà. E per accentuare questo, ho anche chiesto a mia nonna di interpretare la nonna nel film.

Come ha composto il cast dei ragazzi?
Vivevo con il mio direttore della fotografia nello stesso posto in cui avremmo girato e osservavo le reazioni dei giovani lì. Li abbiamo avvicinati in seguito, senza menzionare il film in sé o raccontando loro la sceneggiatura esatta all'inizio.

Ha scelto di posizionare la telecamera molto vicino ai protagonisti. Perché era così importante?
Alcuni direbbero che essere vicini ai personaggi mostra un approccio documentaristico.Per me era più importante essere vicino alle ragazze e seguire la loro logica.Mi stavo adattando alla loro età, seguendo la loro curiosità e ricreando le loro reazioni, che possono andare da un estremo all'altro.Prima che la telecamera fosse effettivamente accesa, abbiamo lavorato sulla loro energia, costruendo le reazioni e i personaggi, e poi abbiamo filmato ciò che è seguito.Ero curiosa di quello che sarebbe successo quando la telecamera si fosse accesa ed ero eccitata.

Qual era il concetto estetico del film in generale?
La cosa più importante era che tutto potesse essere spiegato dal punto di vista del personaggio principale. È consapevole di ciò che accade intorno a lei, ma non necessariamente vediamo tutto. Questo concetto si applica all'ambiente circostante come la natura, ma anche quando si tratta del mix sonoro.

Qual era il messaggio più importante che voleva trasmettere con il suo film?
Volevo raccontare la storia di una ragazza in una società tradizionale e patriarcale.Non deve essere lei a cambiare, piuttosto le altre persone intorno a lei possono cambiare a causa della sua reazione a loro.Il mio desiderio era che non fossero tanto i protagonisti a svilupparsi e cambiare durante il film, ma piuttosto il pubblico.Lo spettatore intraprende un viaggio e idealmente sente le emozioni dei personaggi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy