email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2021 Concorso

Daniel Brühl • Regista di Next Door

"Le persone famose dicono sempre quanto sia orribile essere riconosciuti e avvicinati, ma quel che è peggio è non essere riconosciuti o avvicinati"

di 

- BERLINALE 2021: Nel suo primo film da regista, da lui stesso interpretato al fianco di Peter Kurth, l'attore tedesco-spagnolo si prende finalmente la rivincita

Daniel Brühl  • Regista di Next Door
(© Pascal Buenning)

Mentre si prepara per un'importante audizione, il noto attore Daniel (Daniel Brühl) si ferma in uno squallido bar prima di dirigersi all'aeroporto, e trova Bruno (Peter Kurth), l'uomo che lo odia intensamente da anni, seduto proprio lì. Il debutto alla regia di Brühl, Next Door [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Daniel Brühl
scheda film
]
, è proiettato alla Berlinale 2021.

Cineuropa: Deve essere stato interessante interpretare qualcuno che potrebbe essere lei, o la versione peggiore di lei. L'autocompiacimento di questo ragazzo è davvero esilarante.
Daniel Brühl:
Mi sono sentito purificato dopo aver fatto questo film. Potevo vendicarmi di tutte le cose che mi sono state dette nella mia vita. Questo è il prezzo che paghi come attore, e sono stato felice di pagarlo: penso ancora che sia una professione meravigliosa. Ma in questi ultimi due anni, le persone non hanno mantenuto le distanze. Ti osservano, ti giudicano e interrompono le tue conversazioni. Alcuni di loro hanno questo disperato bisogno di dirti quanto ti trovano orribile! Era un modo per affrontare questo e per sovvertire l'immagine che si ha di me. Da Good Bye, Lenin! [+leggi anche:
trailer
intervista: Wolfgang Becker
scheda film
]
, molte persone pensano che io sia il ragazzo più simpatico del mondo, e che aiuti gli anziani ad attraversare la strada.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Uno dei temi che mi interessava era la gentrificazione. Mi sono sempre sentito un invasore a Berlino o Barcellona, ​​la mia seconda casa, quindi ho cercato di adattarmi. Una volta, ero lì seduto in un ristorante, parlando con i camerieri di calcio, provando il mio catalano arrugginito per mostrare a tutti che ero uno di loro. E poi ho visto quest'uomo, un operaio edile, che mi fissava. Capivo che mi odiava: con la mia valigetta, parlando di "Barça, Barça!". L'ho immaginato come un operaio su un ponteggio che lavora alla facciata di casa mia, osserva il mio appartamento e poi un giorno inizia questo duello. Sono uno scrittore miserabile, quindi mi sono avvicinato [allo sceneggiatore] Daniel Kehlmann: è per metà austriaco, il che significa che è più divertente dei tedeschi. Gli ho offerto tutte queste esperienze, ma credimi: ci sono molti elementi di finzione qui. Spero che la gente lo capisca! Ho reso questo ragazzo un inutile idiota, il che è solo in parte il mio problema.

Si può dire che adesso ci sia questo bisogno che le star dimostrino di essere "proprio come noi"? Anche Kevin Hart ha recentemente lamentato il fatto che essere famoso è una rovina.
I miei colleghi e amici mi chiedono perché passo così tanto tempo a parlare con le persone quando vengo avvicinato. Ho sempre avuto questa convinzione che, in fin dei conti, sto facendo questo lavoro per loro. Non ho mai incontrato un Bruno, ma ce ne sono altri, come questo ragazzo, che semplicemente non se ne vanno, anche se sei al telefono. Tuttavia, c'è una citazione divertente che ho sentito anni fa da una star, che le persone famose dicono sempre quanto sia orribile essere costantemente riconosciuti e avvicinati, ma quel che è molto peggio è non essere riconosciuti o avvicinati. Per uno come Daniel, ha a che fare con la vanità. Fa una foto con due giovani donne anche per mettersi in mostra davanti a Bruno. Ma alla fine, può essere divertente, e non ci credo quando gli attori dicono: "Oh Dio, non voglio essere riconosciuto", e poi si vestono in modo sciocco, con un grande berretto da baseball e occhiali da sole, con l’intenzione esattamente opposta [ride].

Bruno, è come se lo conoscessimo già – in paesi come il nostro, immagino che ci siano molte persone che si sentono messe da parte?
È vero, e questo era il problema nella prima versione della sceneggiatura: questi due personaggi non erano completamente formati. Avevo questa paura – dal momento che è il mio film, e racconto questa storia dalla mia prospettiva – di ritrarre un ragazzo della Germania orientale come un personaggio stile Stasi o Mefisto. Ha le sue motivazioni. La sua biografia è piena di fallimenti e delusioni, e di tragedie, e questo è quello che ho vissuto tante volte a Berlino o quando vai in campagna: ci sono persone che si sentono tradite. Dal sistema, dal passato. Persone che non hanno trovato il loro posto. Ciò spiega alcuni degli enormi conflitti che abbiamo tra Oriente e Occidente, da quando l'Occidente ha schiacciato l'Est come sotto un rullo compressore: non è stato un processo salutare. A casa mia incontro alcuni dei miei vicini, ed è evidente quanto siamo diversi. Ma penso di piacer loro, o forse fanno solo finta.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy