email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2021 Cannes Première

Eva Husson • Regista di Mothering Sunday

"Il sesso fa parte dell'equazione, ma la nudità è politica"

di 

- CANNES 2021: L'autrice francese parla con Cineuropa della sua rivisitazione moderna del dramma d'epoca britannico

Eva Husson • Regista di Mothering Sunday
(© Philippe Quaisse)

La regista Eva Husson ha filmato l'adattamento della sceneggiatrice Alice Birch del romanzo di Graham Swift su una storia d'amore segreta che si svolge dopo la prima guerra mondiale e su come questa relazione viene ricordata più tardi nella vita. Mothering Sunday [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Eva Husson
scheda film
]
è stato proiettato nella sezione Cannes Premiere del 74esimo Festival di Cannes.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Come sei entrata in contatto con Mothering Sunday?
Eva Husson: Il mio agente mi ha mandato la novella e mi ha detto "c'è una sceneggiatura in fase di scrittura, dovresti leggere la novella, vedere se ti interessa". Sono rimasta sbalordita dalla sensibilità dell'intero libro, da cosa dice del mondo e cosa significa essere umani, e quanto sia difficile sopravvivere alla vita; fondamentalmente, è un lavoro duro. E lo attraversiamo tutti, con vari momenti di disperazione. È bello esaminare l'angoscia, ma anche ciò che rende la vita gioiosa. Quando ho finito il libro, ero in lacrime e non riuscivo a capirne il motivo finché non mi sono resa conto che aveva sbloccato qualcosa in me, e volevo fare lo stesso per le persone, che è parte del motivo per cui sono una regista.

Il film ha un'estetica di oggi. Ha un modo moderno di guardare gli anni venti. Perché hai fatto questa scelta?
La cosa divertente è che sto sempre lontano dai riferimenti cinematografici quando lavoro perché penso che sia una trappola quando sei un regista. Siamo arrivati ​​a una fase della storia del cinema in cui molti registi straordinari sono venuti prima di noi, ed è difficile non essere influenzati da questi maestri. So che la loro influenza è lì da qualche parte. Fa parte della mia grammatica. Quindi uno dei modi in cui potevo renderlo originale era tornare alla fonte, tornare agli anni venti e ricordare quale fosse il loro quadro di riferimento. Erano i dipinti, quindi ho scelto 1:66 come formato perché era quello che si avvicinava di più ai dipinti. Ho inquadrato molti scatti come se fossero quadri. Nella pittura classica vengono usati molto gli spazi vuoti.

Quanto è stato importante avere corpi nudi in questo film?
Nel libro e nel film, penso che siano nudi sia metaforicamente che letteralmente. Paul e Jane hanno uno spazio sicuro dove possono prendersi cura a vicenda.

Ma questo è un amore nascosto, quindi quello spazio sicuro di cui parlavi, è limitato?
So anche che l'amore viene distrutto dai vincoli della società e dalle oppressioni sistemiche di cui siamo tutti prodotti o vittime. Lui è una vittima del fatto che non gli è mai stato insegnato come accedere alle sue emozioni, ma lei riesce ad aprire quella porta. Lei è la sua unica via di fuga. Potrebbe non avere i soldi, ma ha un cervello, e il corpo è un'estensione del cervello. Nel film, la nudità e il sesso non sono spesso collegati in termini di tempo sullo schermo. È molto breve. Pensi di vedere molto sesso, ma è il contesto che vedi. Si tratta di intimità. La mia esperienza è che passi molto tempo nudo cercando di mettersi a proprio agio l'uno con l'altro. È incredibile stare alla larga dalla sessualizzazione della nudità. Il sesso fa parte dell'equazione, ma la nudità è politica.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Alessandro Luchetti)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy