email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

KARLOVY VARY 2021 Concorso

Dietrich Brüggemann • Regista di

“La vera storia inizia dopo il lieto fine”

di 

- Nominato miglior regista a Karlovy Vary per il suo nuovo film, il cineasta nato a Monaco di Baviera vuole che leggiate The Comic Toolbox. Ora

Dietrich Brüggemann • Regista di Nö
Dietrich Brüggemann con il suo premio per il miglior regista a Karlovy Vary (© Film Servis Festival Karlovy Vary)

Stefan Arsenijević avrà anche ritirato il Crystal Globe di quest'anno (leggi le news), ma prima ha ottenuto una menzione in  [+leggi anche:
recensione
intervista: Dietrich Brüggemann
scheda film
]
. "Adoro inserire i colleghi registi in piccole parti", dice a Cineuropa il vincitore del premio per la miglior regia Dietrich Brüggemann mentre parliamo del suo film, ammettendo che erano in vacanza quando è arrivato il verdetto. "Ci hanno chiamato entrambi, così siamo saltati su un aereo per tornare a Karlovy Vary e abbiamo fatto ogni tipo di foto divertente con le nostre statuette".

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: La descrizione di l'ha fatto sembrare una commedia romantica - persone sulla trentina e i loro problemi. Perché hai voluto parlare di quel periodo della vita?
Dietrich Brüggemann:
Il cinema e l'arte, la letteratura e tutto il resto si concentrano sempre su questioni esistenziali. La nascita e la morte sono ovviamente interessanti, ma l'unica decisione vitale che prendi nella tua vita riguarda la persona con cui creerai una famiglia. Il cinema ha fatto migliaia di balli intorno a questo argomento, e molte persone prima di me hanno fatto notare che la vera storia inizia dopo il lieto fine. Hollywood è tutta incentrata sul mettere insieme le persone, ma cosa succede dopo? Ingmar Bergman ha posto questa domanda, e il mio film è solo un'altra voce in quel piccolo sottogenere.

Questi personaggi dicono quello che gli altri pensano soltanto. Si può essere in una buona relazione e pensare comunque di lasciarsi di tanto in tanto.
È allora che il cinema diventa davvero interessante: quando rivela i nostri sporchi segreti. Forse il tuo partner è solo la tua seconda scelta perché non hai avuto quella che volevi? Anche nel film più orribile, vincitore di Cannes, non si arriva a questi punti in cui si mette in discussione il nucleo stesso della tua relazione. Voglio dire, siamo realistici! La gente entra in una relazione per vari motivi, e anche quando ami davvero qualcuno per un aspetto della sua personalità, lo disprezzi per un altro. Mi piace quel tipo di commedia sociologicamente fondata che si può trovare nei film di Ernst Lubitsch e Billy Wilder, e Woody Allen - vedere le persone come persone, ma anche come animali.

Qualcuno ha menzionato qui che qualsiasi cosa facciamo, continuiamo a pensare alle "persone invisibili", giudicando costantemente le nostre scelte. È qualcosa che hai sperimentato anche tu?
Questo è, ad un livello molto elementare, il modo in cui funziona la società umana. Tutto quello che sai del mondo e tutto quello che pensi di dover fare o volere è collegato a questo gruppo di persone invisibili che si aspettano qualcosa da te. Sono i tuoi antenati, la tua famiglia, quello che dicono i media e quello che i tuoi amici postano su Instagram. C'è sempre un elemento nascosto lì dietro, che ti dice: "Dovresti fare lo stesso".

Molte scene sono intime e realistiche, altre semplicemente folli - come quando il futuro padre impazzisce, vedendo qualcosa di mostruoso durante un'ecografia.
C'è un vero mostro lì. Queste cose surreali accadono in tutto il film - abbiamo una vera scena di guerra, che non dovrebbe esserci, una strana interazione con un paziente in sala operatoria, che non dovrebbe essere sveglio, e abbiamo bambini che invecchiano rapidamente. Penso che dovrebbe essere fatto di più nel cinema. Perché il realismo, cos'è? Quando si fa un film, è una finzione elaborata. Assumiamo costumisti e blocchiamo la strada con i nostri camion, e per cosa? Per fare in modo che tutto assomigli a una qualche realtà percepita? Perché invece non mostriamo la realtà psicologica nascosta? Quando quell'uomo vede il mostro, quella è la sua paura - che quel bambino "mangi" tutta la sua vita, che è quello che fanno i bambini. Il cinema è stato creato per mostrare sogni e incubi. Abbiamo perso questo aspetto, e non so perché. È così bello.

Di queste scene che abbiamo appena menzionato, si può capire il loro significato, anche nonostante la follia. È stato difficile essere giocosi e allo stesso tempo assicurarsi che nessuno si confondesse?
Qualunque cosa il pubblico stia pensando dovrebbe riflettersi in almeno uno dei personaggi - questo è il tuo obbligo come regista. Ha paura per il suo bambino, quindi per lei lasciare l'ospedale significa affrontare una guerra in piena regola. Ma suo marito non lo nota, e questa discrepanza è follemente divertente. C'è una verità emotiva più profonda su due persone che hanno diverse percezioni del mondo che le circonda, che è qualcosa che tutti conosciamo. Ma vero e divertente non è una contraddizione. Raccontare una bella barzelletta è un modo di dire la verità: è persino nei manuali! Il mio manuale di sceneggiatura preferito - questo va a tutti gli studenti di cinema là fuori - si chiama The Comic Toolbox: How to Be Funny Even if You're Not di John Vorhaus. Lui dà una definizione perfetta di cosa sia la commedia: la commedia è verità e dolore.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Alessandro Luchetti)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy