email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VENEZIA 2021 Orizzonti

Kaltrina Krasniqi • Regista di Vera Dreams of the Sea

"Abbiamo inventato tradizioni e intere culture per proteggere un ordine molto discriminatorio”

di 

- VENEZIA 2021: La regista kosovara ci svela il concetto visivo dietro il suo lungometraggio d'esordio, così come il modo in cui ha combinato i suoi diversi motivi ed elementi

Kaltrina Krasniqi  • Regista di Vera Dreams of the Sea
(© La Biennale di Venezia - Foto ASAC/Andrea Avezzù)

Abbiamo incontrato la regista kosovara Kaltrina Krasniqi, il cui primo lungometraggio, Vera Dreams of the Sea [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Kaltrina Krasniqi
scheda film
]
, è stato presentato in anteprima mondiale nella sezione Orizzonti della Mostra del Cinema di Venezia.

Cineuropa: Vera Dreams of the Sea è in parte ispirato alla storia di tua madre, ma la sceneggiatura è stata scritta dalla drammaturga Doruntina Basha. Come avete lavorato insieme?
Kaltrina Krasniqi: Doruntina è una mia amica d'infanzia e nel 2014 mi ha sottoposto una bozza della sceneggiatura. Sono stata subito attratta dalla storia per diversi motivi, il primo è l'età del personaggio e il ricco contesto che esprimeva. Le donne di quella generazione sono raramente raffigurate in film, teatro o letteratura, specialmente come personaggi principali. La seconda ragione era il fatto che era un'interprete di lingua dei segni, una voce per i senza voce. La terza è stata la sua lotta, il modo in cui è completamente spogliata dell'agenzia dopo il suicidio di suo marito.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Per certi versi, l'esperienza di Vera nel film assomigliava alle esperienze di mia madre, e questo ha aiutato molto a creare la psicologia del personaggio, che spesso mi ha messo molto a disagio con il suo essere remissivo. Abbiamo esaminato ogni bozza insieme, modellando lei e arricchendo la sua ambientazione con molti dettagli. Abbiamo visto il suo conflitto come una grande opportunità per mostrare una società del dopoguerra in profonda crisi di identità.

Hai combinato molti motivi ed elementi disparati in questo film; racconta una storia personale, molto specifica, ma tocca anche molti aspetti della società kosovara e della posizione delle donne ovunque.
Ebbene, la negazione della proprietà alle donne non è un problema specifico del Kosovo. Le donne in tutto il mondo possiedono molto molto meno degli uomini. E questo è un impatto diretto di una società regolata dal patriarcato. Abbiamo inventato tradizioni e intere culture per proteggere un ordine molto discriminatorio, non solo discriminatorio nei confronti delle donne, ma anche nei confronti di altri gruppi, come le persone LGBTQ+ o le persone di colore. Quindi, nel raccontare la storia di Vera, ero consapevole che, indipendentemente dalle specificità culturali in Kosovo, stavo realizzando anche un film molto universale, un film che potesse connettersi culturalmente ed emotivamente con il pubblico di tutto il mondo.

Teuta Ajdini Jegeni è fantastica nel ruolo principale. Come l'hai scelta e come hai lavorato sul suo personaggio?
Mi ci è voluto un anno per scegliere Teuta Ajdini Jegeni per il film, l'ostacolo principale era l'età di Vera. Le donne della generazione di Vera non sono state incoraggiate a studiare o praticare le arti. Pertanto, il pool di attrici di lingua albanese è piuttosto ridotto. Ho viaggiato tra Prishtina, Skopje e Tirana per un anno, facendo provini a diverse donne. Ho trovato Teuta a Skopje, dove fa parte di un ensemble teatrale. Mi è piaciuta molto la sua energia, ma ero scettica per via del suo background teatrale. Mi ha smentito: ha studiato la lingua dei segni e l'ha imparata in sei mesi mentre allo stesso tempo si preparava per il ruolo con molta dedizione e rispetto per il suo mestiere.

È un film visivamente complesso: ci sono molte sfaccettature di Prishtina e dei suoi sobborghi, così come la parte rurale, che presenti in modo molto convincente. Come hai sviluppato il lato visivo, insieme al direttore della fotografia Sevdije Kastrati?
Sevdije e io ci conosciamo da molti anni. Lavorare con lei al mio primo lungometraggio è stato un processo intenso e molto stimolante. Era importante avere un direttore della fotografia donna perché stavamo raccontando la storia di una donna e volevamo costruire un film visivamente stratificato che parlasse non solo al Kosovo, ma anche a un pubblico più ampio. Vera doveva essere presente in ogni inquadratura; volevamo che il mondo fosse visto dalla sua prospettiva, che di per sé portava molto contesto. Tuttavia, siamo stati attenti a non riprodurre lo sguardo esotico pieno di stereotipi che ha alimentato il cinema balcanico negli ultimi due decenni.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy