email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BLACK NIGHTS 2021 Concorso

Wojciech Smarzowski • Regista di The Wedding Day

“Spazzare sotto il tappeto la verità sui crimini passati può facilmente portare a nuovi crimini”

di 

- Abbiamo parlato con il regista polacco del suo nuovo film e della sua tendenza ad affrontare eventi difficili della storia del suo paese

Wojciech Smarzowski • Regista di The Wedding Day

Cineuropa ha incontrato il famoso regista polacco Wojciech Smarzowski per discutere del suo nuovo film, The Wedding Day [+leggi anche:
recensione
intervista: Wojciech Smarzowski
scheda film
]
, che è stato presentato in anteprima internazionale al Festival Black Nights de Tallin. Smarzowski è molto popolare nella sua nativa Polonia, e la maggior parte dei suoi film affrontano eventi difficili della storia del suo Paese, anche molto recenti, come il suo film precedente, Clergy [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Wojciech Smarzowski
scheda film
]
, su pedofilia e altri abusi avvenuti all'interno della Chiesa cattolica.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Ha smesso di mangiare carne dopo aver girato The Wedding Day. Come mai?
Wojciech Smarzowski: Ci sono galline che vivono su una superficie inferiore a un foglio di carta e maiali che hanno solo un metro quadrato di spazio per muoversi. Questi animali sono tormentati, e vale la pena pensarci quando si acquista carne a prezzo scontato. Stavo già riducendo il consumo di carne, ma dopo la ricerca che ho fatto per The Wedding Day, ho smesso di consumarla completamente. Tutti i filmati che mostrano l'abuso dei maiali sono stati acquistati dalle organizzazioni che lottano per i diritti degli animali. Nel complesso, solo uno o due minuti di questi filmati sono finiti nel film, ma sono stati scelti tra ore di materiale. Questo ha anche influenzato la mia decisione di diventare vegetariana.

C'è un detto che recita: “l'uomo è la preda più pericolosa". Sei d'accordo con questo?
Si dice che le zanzare uccidano più uomini degli uomini. Le persone sono le prime classificate, mentre i serpenti sono al terzo posto. La gente fa la guerra, ma anche le formiche. Queste guerre umane sono condotte in nome della religione, o per denaro, potere, lussuria o solo per uccidere? Non penso sia solo questo, è  più sul fatto che l'uomo continua a perfezionare le sue armi. E può inquinare gli oceani con i rifiuti, distruggere le foreste, i luoghi in cui non sopravviverebbe a lungo. D'altra parte, se un uomo lottasse con una tigre in gabbia, io scommetterei i miei soldi sulla tigre. Penso che sia una domanda piuttosto complicata.

Hai già realizzato un film chiamato The Wedding, ma questo nuovo non è un sequel. Cosa ti interessa di questo rito?
Un matrimonio è un evento importante in Polonia. Tutto è iniziato con Wyspiański, che 120 anni fa scrisse un dramma sul motivo per cui la Polonia non avesse l'indipendenza. Wajda ha adattato quella commedia in un film, e sia prima che dopo, i matrimoni sono stati usati come allegoria nel teatro, nella letteratura e nell'arte. Ho realizzato il mio primo The Wedding all'inizio di questo secolo, quando la Polonia aveva ottenuto l'indipendenza e la libertà, ma aveva bisogno di riguadagnare i suoi valori. Oggi è il momento di recuperare quel ricordo.

Uno dei personaggi principali del tuo nuovo film è un nonno che soffre di demenza, che è una metafora dell'amnesia. È questa "amnesia", o memoria perduta, l'elemento più importante nelle relazioni tra polacchi ed ebrei al giorno d'oggi?
Non c'è nazione che non abbia problemi irrisolti nella sua storia, che preferirebbe non raccontare o dimenticare. I polacchi non sono né migliori né peggiori sotto questo aspetto. Sono stati scritti migliaia di libri e articoli sulla storia ebraica e sulle relazioni polacco-ebraiche, ma penso che questo argomento non abbia una parola definitiva, per così dire, perché le dolorose informazioni su come si sono comportati i polacchi durante la seconda guerra mondiale non sono nei libri di scuola. Ai nostri ragazzi viene insegnato che i polacchi erano o eroi o vittime durante la guerra. Non c'è alcun indizio che suggerisce che noi, proprio come qualsiasi altro essere umano, ci saremmo comportati in modo spregevole.

Il tuo film parla sia del passato che del presente. Quest'ultimo sembra essere un po' migliore, ma comunque c'è molto odio e intolleranza in giro.
Nascondere sotto il tappeto la verità sui crimini passati può facilmente portare a nuovi crimini. La storia tende a ripetersi. Se i peggiori elementi della storia trovano “terreno fertile”, fioriscono facilmente. Si rivelano vitali e attuali, come il sermone prebellico che mostro nel mio film. Un'altra cosa è che il mondo intero si è spostato a destra. Il divario tra le tribune negli stadi di calcio e le marce nazionalistiche si è ridotto. Il ministro della Cultura polacco dona generose somme di denaro ai nazionalisti e ha definito il mio film un “progetto degenerato”.

Penso che ci siano due tipi di patriottismo: uno tollerante, aperto ad altri esseri umani e culture diverse, ma anche ai fatti dolorosi della nostra stessa storia. Il secondo tipo di patriottismo è chiuso: c'è una divisione tra “noi” e “loro”. Non si tratta di rivalità, è ostilità.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy