email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Francia / Armenia / Belgio

Nora Martirosyan • Regista di Should the Wind Drop

“La mia domanda principale era: come può esistere visivamente e cinematograficamente un paese che non ha legittimità internazionale?”

di 

- Il candidato dell'Armenia all'Oscar per il miglior lungometraggio internazionale è il ritratto di un luogo dimenticato in cerca di riconoscimento

Nora Martirosyan • Regista di Should the Wind Drop
(© Gohar Galustian)

Il primo lungometraggio della regista franco-armena Nora Martirosyan, Should the Wind Drop [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Nora Martirosyan
scheda film
]
, è il candidato armeno per l'imminente Oscar al miglior lungometraggio internazionale (leggi la news). Abbiamo parlato con la regista del suo legame con la piccola repubblica autoproclamata al centro del suo film.

Cineuropa: Da dove viene l'ispirazione per la storia? E perché il tema dell'aeroporto?
Nora Martirosyan:
Il primo desiderio o interesse è venuto dal luogo – questa piccola repubblica autoproclamata, dove sono andata per la prima volta nel 2009. Il suo nome è Nagorno-Karabakh, o Artsakh, in armeno. Quando ero lì, mi sono resa conto che vedevo tutto ciò che corrispondeva a uno Stato, come un parlamento, le infrastrutture, le strade e le città. Ma se guardi su Google Maps, non esiste. Mi sono chiesta come questo paradosso potesse essere mostrato al cinema, e attraverso quale tipo di narrativa. Poi ho scoperto l'aeroporto, e ho pensato che fosse il simbolo perfetto per l'autoproclamata Repubblica di Artsakh, che vuole spiccare il volo ed essere riconosciuta, ma a cui non è permesso. Ho scritto la narrazione intorno all'aeroporto, con tutti i personaggi collegati in un modo o nell'altro.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Per quanto tempo ha visitato l'autoproclamata repubblica e come ha svolto le sue ricerche?
È stato un modo molto particolare di fare il film, dal momento che non ho scritto prima la mia storia e poi ho cercato le location; è stato il contrario. Dal 2009 vado ogni estate in Nagorno-Karabakh e ho cercato i luoghi importanti e rilevanti per descrivere il Paese. Poi ho impostato la mia azione in questi luoghi. In effetti, quando ci siamo andati nel 2018 per le riprese, conoscevo il posto a memoria. Abbiamo girato in tutta la piccola repubblica autoproclamata.

Come hanno reagito le persone in Nagorno-Karabakh alle riprese? Com'è stata la sua esperienza lì?
Questo luogo che vuole essere riconosciuto ha bisogno di essere visto; ha bisogno dell'attenzione. Tutti i locali e il governo, tutti, erano così felici che li stavamo guardando attraverso l'obiettivo di una telecamera. Abbiamo quindi avuto il loro pieno sostegno. Ma bisogna essere consapevoli che questa piccola repubblica autoproclamata non è un luogo pacifico. C'erano cecchini e mine nei campi, quindi dovevamo stare molto attenti. Bisognava stare attenti a non avvicinarsi troppo al confine. Durante le riprese, è stato relativamente tranquillo, ma sapevamo di vivere su un vulcano, per così dire, come dice uno dei personaggi nel film. Questa tensione che sentivamo, volevo che esistesse nel film. La musica del film trasmette la tensione che questo luogo porta al suo interno. Nel 2020, circa un anno e mezzo dopo aver girato il film, è scoppiata una guerra terrificante in tutto il territorio. Abbiamo scoperto che ora il film è diventato in qualche modo un archivio, una registrazione di questo periodo di pace. Mostra una situazione, un'atmosfera che non c'è più, ma anche una serie di luoghi che hanno cambiato il loro status e la loro definizione.

Qual è la storia dietro al racconto del bambino e del suo commercio d’acqua? Perché è importante per il film?
Come tutto nel film, questa storia è un'allegoria. L'acqua magica che il ragazzo vende proviene dai bagni dell'aeroporto. Ma poiché crede nel suo potere magico, funziona: le persone la bevono e si sentono meglio. Questa è una metafora per l'intero film. Se credi fermamente che il Nagorno-Karabakh sarà riconosciuto, se lo speri davvero, allora forse la finzione può essere più forte della realtà.

Qual è stato l'aspetto più importante per lo sviluppo del concept visivo?
Visivamente, dovevo descrivere un luogo. L'idea era quella di disegnare, con un film, uno spazio determinato e limitato dai confini. Volevo parlare dei confini senza mostrarli realmente. Con ogni immagine, la sfida era individuare dove ci troviamo all'interno dell'autoproclamata repubblica e quanto siamo lontani dai confini. La mia domanda principale era: cosa definisce un paese? I suoi confini, villaggi, città, strade, foreste o montagne? Come può esistere visivamente e cinematograficamente, attraverso il cinema, un Paese che non ha legittimità internazionale?

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy