email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2022 Quinzaine des Réalisateurs

Elena López Riera • Regista di El agua

"In ogni società, le persone hanno bisogno di una sorta di magia"

di 

- CANNES 2022: Abbiamo parlato con la regista spagnola del suo primo lungometraggio, con le storie d'infanzia che le risuonano ancora nelle orecchie

Elena López Riera • Regista di El agua
(© Laia Lluch)

Il tempo scorre lento in un paesino del sud-est della Spagna, proprio come il suo fiume. Anche se ora è calmo, la gente lo teme ancora, rievocando storie di una sposa che un tempo fu rapita dai suoi capricciosi torrenti. In El agua [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Elena López Riera
scheda film
]
, film selezionato alla Quinzaine des Réalisateurs di Cannes, i vecchi racconti diventano tutt'uno con la realtà, e non è più possibile separarli. La regista Elena López Riera ce ne parla.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Queste storie legate all'acqua raccontate nel film, le ha inventate lei o è cresciuta ascoltandole?
Elena López Riera:
Una delle donne con cui parlo nel film è mia madre. Ci sono anche i miei vicini e i miei cugini. Sono così vicini a me. Sono stata cresciuta da queste donne, ascoltando questi miti, le storie sull'acqua. Nella nostra vita quotidiana, c'erano diversi livelli di pensiero magico. È uno dei motivi per cui un giorno ho deciso di fare cinema. Queste donne raccontavano la loro vita quotidiana in modo così appassionato. Ricordo che mia nonna mi parlava di maledizioni o rituali da eseguire invece di andare dal dottore. Tutto ciò si mischiava ad argomenti estremamente banali, come quello che avremmo cucinato per cena. Non c'era differenza! Da grande, ho capito che la loro vita era dura: lavoravano, si prendevano cura di tutti. Avevano bisogno di qualcos'altro, qualcosa che andasse oltre.

Forse è per questo che alcune persone hanno bisogno della religione?
O dell’astrologia! In ogni società, a Londra come a Madrid, le persone hanno bisogno di una sorta di magia. Può essere lo yoga o qualsiasi altra cosa, davvero, fai la tua scelta – qualcosa in cui credere. È così evidente ora, dopo la pandemia. Abbiamo bisogno di spiegazioni che la scienza non ci può dare. Inoltre, e puoi vederlo in El agua, ero ossessionata da questa leggenda in particolare, con questa sposa, l'acqua e le donne. Perché tutte queste credenze e storie ruotano sempre attorno ai corpi femminili, al loro desiderio e alla loro libertà?

Di conseguenza, cresci nella paura. Se non la senti, gli altri si assicureranno che tu lo faccia. Nel suo film, almeno le donne sanno da dove può venire il pericolo: direttamente dal fiume.
È vero, c'è sempre un modo per instillare in noi la paura. La società continua a dirti: “Non farlo. Non uscire la sera, non bere, perché ti violenteranno”. È onnipresente, questa paura di tutto. Mi spezza il cuore. Noi donne la interiorizziamo nella nostra anima. Diventa la nostra eredità. Ero arrabbiata con la mia famiglia per avermi cresciuta in questo modo, ma anche loro erano vittime di quel modo di pensare. Volevano solo proteggermi. Ma altre donne mi hanno dato la forza. Grazie a loro, ho capito che non ero pazza e non ero l'unica che a volte odiava sua madre [ride]. Uno dei motivi principali per cui ho mostrato queste tre generazioni di donne era quello di mostrare che anche questo amore può essere violento.

C'è anche questo sogno di evasione. Ti chiedi perché alcuni non l'hanno fatto e se le nuove generazioni riusciranno mai a farlo.
Ci stavo pensando anche io, chiedendomi: "Esistono davvero?". A un certo punto, mi hanno ricordato streghe o fantasmi. Cercano di superare questa maledizione, il "malocchio", e si nascondono all'interno della loro casa come farebbero in un castello. Ho pensato molto a Johnny Guitar [western del 1954], che è uno dei miei film preferiti, tra l'altro – realizzato da un uomo ma con questo affascinante personaggio femminista. Non ha molto, ma quello che ha è suo. È lo stesso qui. Non volevo affermare che le donne sono buone e gli uomini sono cattivi.

Quando mostra i più giovani, sembra che ci sia un piccolo cambiamento, una speranza per il futuro. Non sono così bloccati nei ruoli di genere. Ancora.
Non volevo creare una grande narrativa su questo; stanno solo insieme. È molto autobiografico perché ricordo quanto fosse importante passare del tempo con i tuoi amici. Crescendo in un mondo misogino, ci sono modi per resistere: uno di questi è stare insieme. L'amore è rivoluzionario; divertirsi è rivoluzionario. Proprio perché tante persone vogliono che tu abbia paura. A volte, la risposta migliore è: “Fanculo; siamo felici". Le giovani generazioni, per esempio, sono così orgogliose del proprio corpo. Io mi vergognavo così tanto del mio e ho passato la maggior parte della mia vita da adolescente curva. Anche i ragazzi ora sono diversi, fortunatamente. Questa è la conseguenza della cultura maschilista: non riguarda solo le donne.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy