email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

LOCARNO 2022 Cineasti del presente

Tereza Nvotová • Regista di Nightsiren

"Ci siamo resi conto che molte delle nostre amate tradizioni esistono per preservare lo status quo"

di 

- La regista slovacca ci parla del suo film, che affronta il tema delle tradizioni conservatrici e dell'emancipazione femminile, e che ha vinto il Pardo d'oro nella sezione Cineasti del presente

Tereza Nvotová • Regista di Nightsiren
(© Locarno Film Festival/Ti-Press/Massimo Pedrazzini)

La regista slovacca Tereza Nvotová ha presentato in anteprima mondiale il suo ultimo lungometraggio di finzione, Nightsiren [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Tereza Nvotová
scheda film
]
, nel concorso Cineasti del Presente di Locarno, dove il film ha vinto il Pardo d'Oro. Nvotová è passata dal cinema documentario a quello di finzione con il suo dramma civile sullo stupro Filthy [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Tereza Nvotová
scheda film
]
. Il suo secondo lungometraggio è un’audace presa di distanza dal suo debutto nella fiction, perché abbraccia immagini più surreali e realismo magico per una storia di folk horror che affronta la misoginia e la disuguaglianza di genere più profondamente radicata. Filthy e Nightsiren condividono il tema centrale dell'emancipazione femminile e, nel caso di quest'ultimo, attraverso un sovvertimento degli stereotipi e dei costumi sociali. Cineuropa ha parlato con la regista di tradizioni conservatrici, patriarcato ed emancipazione femminile.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: In Nightsiren, affronti due trame-slash-visioni del mondo, il patriarcato rappresentato dalla società e uno rappresentato da una protagonista femminile sulla via dell'emancipazione. Perché questo confronto è stato importante per te?
Tereza Nvotová: Perché non c'è niente da fare se le donne stesse non hanno urgenza di vivere diversamente. Volevo ispirarle ad avere nuove idee su se stesse. Conosco tante donne del mio Paese che non considerano nemmeno una vita diversa dall'avere dei figli, un marito, una famiglia di cui prendersi cura. Anche io ci ho messo molto tempo per chiedermi cosa voglio veramente. E quando l'ho fatto e l'ho condiviso, c'è stata una reazione immediata: "Non vuoi essere madre? Non sei una donna!”

Misoginia, xenofobia e isteria di massa sono i motivi del film. Che tipo di ricerche hai fatto?
Beh, crescere in Slovacchia è stata di per sé una ricerca piuttosto profonda. Metà della mia famiglia viene da un villaggio. Ho passato molto tempo in una società di paesini, quindi direi che è sotto la mia pelle. Ma non è tutto. Abbiamo usato il villaggio come un antagonista collettivo per riflettere ciò che riteniamo sbagliato nella nostra società. La paura dell'ignoto o della differenza è la principale causa dei peggiori crimini. È così da secoli.

Perché hai deciso di ambientare la storia in una società rurale e lavorare su aspetti folcloristici e costumi locali nella narrazione?
Sentivamo di dover parlare di grandi problemi, renderli semplici. L'ambiente di una piccola città offre un’occasione perfetta per mostrare come questi antichi problemi prevalgano ancora nel nostro mondo moderno. Barbora Námerová [che ha scritto la sceneggiatura assieme alla regista, ndr] ha portato uno studio etnologico sulle credenze superstiziose delle "streghe" nella Slovacchia contemporanea. Siamo rimasti stupiti dal fatto che siano ancora molto vive. Abbiamo iniziato a guardare a tutti i tipi di rituali che sono preservati nella nostra società e abbiamo iniziato a chiederci a quale scopo servano esattamente. Ci siamo resi conto che molte delle nostre amate tradizioni esistono per preservare lo status quo: le donne devono essere fertili, gli uomini devono essere forti, le donne servono gli uomini, gli uomini proteggono le donne. E se qualcuno non si conforma, diventa un pericolo per la comunità. Più semplice e spaventoso di così!

Nightsiren utilizza certi aspetti del cinema di genere. Perché questa scelta?
Abbiamo usato il genere perché era il modo più naturale per raccontare questa storia. Se parli di streghe, magia, paura e traumi, devi portare il pubblico in questo mondo, farglielo sentire. Se un film non lascia alcun segno emotivo, non lo considero davvero un buon film. Quando sono cresciuta, il genere era considerato qualcosa di economico. E molti di quei film erano in effetti scadenti e banali. Ma oggi il cinema è molto più libero. Posso usare qualsiasi forma o genere per avere l'impatto che voglio avere. È naturale che i festival cinematografici vedano questo cambiamento e lo supportino.

Nel film usi un linguaggio cinematografico molto moderno. Ad esempio, la notte di mezza estate è raffigurata in un modo molto poco tradizionale.
Immagino che ci siamo permessi di pensare in grande con questo film.. Abbiamo solo giocato con gli strumenti di cui ci siamo dotati. Ad esempio, la notte di mezza estate è stata una collaborazione tra me, la sceneggiatrice, il direttore della fotografia, il coreografo, il truccatore e il compositore. Avevo una vaga idea di cosa volevo, ma ho invitato queste persone a crearlo insieme a me e ha funzionato, ed è stato divertente da realizzare!

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy