email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

LOCARNO 2022 Concorso

Patricia Mazuy • Regista di Bowling Saturne

"Ho dovuto abbracciare il tema e mostrare coraggio"

di 

- La regista francese parla del suo film noir molto cupo con un protagonista molto spaventoso

Patricia Mazuy • Regista di Bowling Saturne
(© Alexandre Ean)

Patricia Mazuy ha presentato il suo nuovo film Bowling Saturne [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Patricia Mazuy
scheda film
]
in concorso internazionale al Festival di Locarno di quest'anno. Racconta la storia violenta di un giovane smarrito che non si limita a rilevare la sala da bowling del padre defunto, ma eredita anche una parte del suo lato oscuro. Abbiamo parlato con il regista dei simboli della mascolinità, della sala da bowling come ambientazione e dell'attore che interpreta il ruolo principale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Da dove nasce l'idea di utilizzare una sala da bowling come ambientazione?
Patricia Mazuy:
Ho bisogno di avere un luogo forte come ambientazione per i miei film. Mi piaceva l'idea di una sala da bowling perché è un luogo molto silenzioso, quando è chiuso, e molto rumoroso quando è aperto. Mi sembrava uno spazio in qualche modo grafico, con linee e forme chiare. Mi piaceva il fatto di avere un luogo sotterraneo che rappresentasse la discesa del protagonista verso le viscere del padre.

Ti sei ispirato a un vero crimine?
No. L'obiettivo del film era analizzare il passaggio all'azione, ciò che porta ad agire. C'è un protagonista che non lo pianifica, ma che arriva a farlo.

Perché era così importante mostrare la scena della violenza in modo così drastico?
Dovevo affrontare l'argomento e mostrare coraggio. La scena non doveva passare inosservata. Sarebbe stato troppo accomodante, mentre è troppo importante perché la scena doveva alimentare l'intero film. È stato piuttosto difficile girarla. L'abbiamo preparata come una scena di un musical. Si doveva avere l'impressione di un'azione in tempo reale, dovevamo essere molto precisi.

Il mondo dei cacciatori è un simbolo della mascolinità per eccellenza.
Ci sono anche donne cacciatrici, ma sì, è un simbolo di un patriarcato ancestrale. C'è anche un altro tipo di violena, quella morale. Mostrano una visione terrificante e da incubo. Quando il protagonista vede il padre durante la caccia al safari, qualcosa cambia in lui. Si identifica con la preda, sa che la sua fine è vicina.

Qual era la cosa più importante che il protagonista Armand doveva rappresentare?
Era importante che seguisse un percorso fitto e complesso. All'inizio è un giovane che soffre, poi diventa un mostro.

Come si è preparato Achille Reggiani per il ruolo?
Per lui era importante concentrarsi. Si è isolato e si è preparato per tutte le fasi dello sviluppo del personaggio, tutte insieme. Le riprese sono state piuttosto frenetiche e abbiamo dovuto fare tutte le scene in ascensore o tutte le scene nel vialetto contemporaneamente, anche se nella sceneggiatura non avvengono in ordine cronologico.

Come lo hai trovato e perché hai voluto che interpretasse questo ruolo?
È mio figlio ed è un attore di teatro. L'ho visto recitare sul palcoscenico in ruoli di grande impatto. Era importante trovare una distanza professionale attraverso il nostro lavoro.

A cosa ti sei ispirato per l'arredamento dell'appartamento del padre del protagonista?
Volevo fare un riferimento al tema del colonialismo. L'appartamento è completamente barocco, molto spaventoso. È un luogo di terrore e paura anche per il protagonista, quando vi entra per la prima volta. In seguito, se ne appropria, indossa il giubbotto del padre e diventa una sua versione.

La maggior parte della storia è ambientata di notte. I colori che hai utilizzato sono scuri. Quali sono stati gli aspetti più importanti per il concetto visivo del film?
Trattandosi di una sala da bowling sotterranea, non si sa mai esattamente se è giorno o notte. Questo mi piaceva. Per quanto riguarda l'estetica del film, volevo utilizzare tutti gli elementi e i mezzi di un film noir. Le due donne dovrebbero rappresentare la luce. Una esce, l'altra fugge. Entrambe dovevano essere più vivaci possibile.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy