email print share on Facebook share on Twitter share on LinkedIn share on reddit pin on Pinterest

SARAJEVO 2022 Concorso

Juraj Lerotić • Regista di Safe Place

“Il mio film parla di un evento traumatico, di una spaccatura improvvisa nella vita di tutti i giorni, di una perdita di controllo”

di 

- Abbiamo parlato con il regista del film vincitore del Premio Cineuropa, il cui protagonista è intrappolato tra il sostegno illimitato della sua famiglia e un sistema sanitario disfunzionale

Juraj Lerotić  • Regista di Safe Place

Abbiamo avuto l'occasione di parlare con Juraj Lerotić, il regista di Safe Place [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Juraj Lerotić
scheda film
]
, che ha recentemente vinto il Premio Cineuropa al Festival di Sarajevo, oltre al Premio Heart of Sarajevo e al Premio per il Miglior Attore (leggi le news). Il protagonista del film, Bruno, è in bilico tra il sostegno illimitato della sua famiglia e un sistema sanitario disfunzionale.

Cineuropa: Perché hai scelto il titolo Safe Place?
Juraj Lerotić:
I personaggi non sono mai nello stesso posto, sono costantemente in movimento. In qualche modo, volevo che il titolo viaggiasse con loro. Aleggia sul film, a volte come speranza, a volte come presa in giro. Mi piace il fatto che sia semplice, ma anche che, in dialogo con il film, diventi ambiguo e sfuggente.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
madrid film office feb 2024 elena central

Si tratta di una storia molto personale. Com'è stato il processo di sviluppo della sceneggiatura e come hai affrontato la messa in scena?
Una volta ottenuto il materiale del quale volevo scrivere, ho iniziato a pensare a una struttura drammatica che riflettesse e amplificasse il contenuto. Un evento traumatico, una frattura improvvisa nella vita quotidiana, una perdita di controllo. È per questo che il film, per un momento, abbandona la sua solida cornice narrativa e si apre maggiormente verso la direzione di un meta-film. Così come le vite dei protagonisti sono sconvolte dall'evento traumatico, anche il film è sconvolto da questa strategia drammatica contrapposta. L'illusione è compromessa per lo spettatore e, allo stesso tempo, si apre una nuova dimensione della realtà osservata. Questa frattura strutturale si presenta una sola volta perché, se avessi dovuto ripeterla e variarla, avrebbe smesso di essere una ferita e sarebbe diventata parte del tessuto stesso della sceneggiatura.

I primi riferimenti visivi del film sono stati dei piccoli modelli e la sensazione che si prova quando li si tiene in mano. Ognuno di loro ha un comportamento, o porta una borsa o qualcos'altro che ci dà un'idea del loro andirivieni. Tutti questi sforzi sembrano un po' futili, solitari e in balia dello spazio che li circonda.

Il cast è nato da un processo completo. Mentre scrivevo la sceneggiatura, non pensavo di interpretare un fratello maggiore, ma durante il lavoro mi sono reso conto di avere un punto debole: in un certo senso, non potevo accettare l'idea che qualcun altro interpretasse quel ruolo. Probabilmente perché era troppo vicino a me. Il fatto che io reciti probabilmente aggiunge un'altra dimensione al film, ma la decisione non è stata facile da prendere.

Come hai lavorato sul ruolo di Damir, tuo fratello, con Goran Markovic?
Abbiamo lavorato sui pensieri di Damir e sulle domande che si pone. Per esempio, la domanda potrebbe essere: "Ho la sensazione di aver fatto una cosa orribile, ma non so cosa o dove?". Si potrebbe poi passare al livello successivo: "Per questo motivo, qualcuno si vendicherà contro la mia famiglia". Questi sono i pensieri che richiedono un'azione. Damir non può rispondere a queste domande, ed è per questo che anche lo spettatore ha l'impressione che lo stia eludendo continuamente. Questa è stata una delle strategie che abbiamo utilizzato nell'approcciare il ruolo, per esempio.

Il protagonista sembra intrappolato tra il sostegno illimitato della famiglia e un sistema sanitario disfunzionale.
Parafraserò un proverbio tedesco: "Troppo aiuto crea un senso di impotenza". La madre e il fratello di Damir cercano di sostenerlo, senza assecondarlo o soffocarlo con le loro preoccupazioni. Per quanto riguarda la mia esperienza con il sistema, si potrebbe riassumere in questo modo: Ritengo che il sistema sia disfunzionale. Come utente, sei alla mercé degli individui che ne fanno parte. Si bussa a una porta e il personale è molto gentile, ti aiuta e poi ti manda da un altro che ti tratta come un oggetto, ti umilia e ti confonde.

Perché hai deciso di non inserire una colonna sonora e qual è stata l'idea alla base degli altri suoni?
Le scene dei dialoghi sono state girate con il minor numero possibile di suoni di sottofondo. La maggior parte di ciò che si sente nel film non è stata registrata sul set, ma è stata aggiunta in post-produzione audio per creare l'atmosfera necessaria per ogni scena. A volte è una massa densa di suoni che sembra opprimente; altre volte è un silenzio che crea la sensazione che tutto possa accadere. Il film ha una qualità lirica, ma volevamo anche che avesse qualcosa di preciso e crudo, come un documento. Per questo non abbiamo usato una musica convenzionale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese da Alessandro Luchetti)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy