email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SAN SEBASTIAN 2022 Concorso

Petr Vaclav • Regista di Il Boemo

“Questa storia icariana di ascesa e caduta mi ha emozionato”

di 

- Cineuropa ha parlato con il regista ceco del suo più grande film fino ad oggi e delle origini di questo dramma d'epoca che riporta alla luce una musica che non si sentiva da 250 anni

Petr Vaclav • Regista di Il Boemo
(© SSIFF/Jorge Fuembuena)

Il regista ceco Petr Vaclav torna al Festival di San Sebastián dove nel 2001 aveva presentato il suo secondo film, Parallel Worlds. Vaclav partecipa al concorso ufficiale del festival con la sua ultima fatica, Il Boemo [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Petr Vaclav
scheda film
]
, sul dimenticato compositore barocco Josef Mysliveček. Il Boemo è il film più grande e ambizioso di Vaclav e Cineuropa lo ha incontrato per parlare delle origini del progetto, della regia di un dramma d'epoca e della riscoperta di una musica che non si sentiva da 250 anni.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il Boemo è stato anche presentato come candidato della Repubblica Ceca agli Academy Awards nella categoria Miglior film internazionale.

Cineuropa: Hai lavorato a questo progetto su Josef Mysliveček per quasi un decennio. Perché hai deciso di dedicare così tante energie a un dramma biografico su un compositore che è quasi scomparso dai libri di storia?
Petr Vaclav:
Sono stato attratto da Josef Mysliveček proprio perché è stato dimenticato e disconosciuto. La storia della sua vita è estremamente coinvolgente. Josef vuole diventare un compositore di musica e opera. Per realizzare le sue ambizioni, deve lasciare la sua famiglia e il suo Paese e trasferirsi al centro della scena musicale, in Italia. In questo modo potrà fare carriera e vivere la vita di un compositore richiesto, come desiderava da tempo. Tuttavia, il suo destino sfortunato lo priverà presto del suo successo. Josef sa che la sua carriera e la sua vita non dureranno a lungo, ma continua a scrivere la musica più bella.

Questa storia icariana di ascesa e caduta mi ha entusiasmato, così come l'estetica e lo spirito dell'epoca, i costumi, i mobili e le candele. E naturalmente volevo far rivivere la musica di questo grande compositore. Non volevo creare un affresco "biografico" dall'aspetto generico. Il Boemo vuol essere un film più intimo e affrontare temi a me cari. Nonostante la tragica morte di Josef, il film non è una tragedia. Durante i 15 anni della sua carriera, Mysliveček ha scritto molta bella musica che ci parla ancora oggi, dopo 250 anni. È uno dei pochi fortunati che ha lasciato un'eredità duratura.

Non è stato esattamente un decennio di lavoro. Ci sono state troppe attese e rifiuti, e ci sono state diverse "morti cliniche" per il progetto. Tra il momento in cui la sceneggiatura è stata terminata e il momento in cui abbiamo iniziato la preparazione sono passati sei anni. Tuttavia, in questo periodo, ho scritto e girato tre lungometraggi di finzione e un documentario. La ricerca per la sceneggiatura de Il Boemo, che ha preceduto la scrittura della sceneggiatura, mi ha richiesto un anno e mezzo di lavoro molto intenso. È stata una bella avventura durante la quale ho imparato molto, ho letto molto, ho incontrato diversi esperti fantastici ed eruditi e ho acquisito conoscenze che prima non avevo.

Il documentario che citi è Confession of the Vanished [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, sempre su Josef Mysliveček. Che influenza ha avuto questo documentario su Il Boemo?

È stato fondamentale. È un ritratto documentario di Josef Mysliveček. Le riprese sono state divise in due fasi. Ho girato la parte principale nelle sale prove di Praga, dove Vaclav Luks ha provato l'affascinante opera L'Olimpiade per molte settimane. Mysliveček aveva scritto l'opera già in un periodo in cui era sfigurato, viveva nascosto dietro una maschera e doveva sopportare un periodo molto difficile. Vivere per settimane e mesi in quella musica mi ha permesso di capire quanto forte dovesse essere il carattere di Mysliveček.

La musica ha un ruolo molto importante e per il film tu e i tuoi collaboratori avete riscoperto opere che non venivano eseguite da quasi 250 anni. Può descrivere il processo di recupero delle opere di Josef Mysliveček?
Quando ho iniziato a pensare a Mysliveček, solo tre delle sue opere esistevano in forma registrata. Tuttavia, egli scrisse queste arie per i più grandi castrati, tenori e soprani del suo tempo. Ciò significa che la sua musica non può essere eseguita senza le migliori voci del nostro tempo. Le parti di castrato e di coloratura rimangono estremamente difficili, anche per le cantanti e i controtenori di oggi. Ma all'epoca conoscevo poco l'opera e per questo temevo che Mysliveček fosse un cattivo compositore.

Mi ha rassicurato Vaclav Luks, uno dei più grandi direttori d'orchestra contemporanei di musica barocca, che è stato il mio consulente fin dall'inizio. Mi parlò di Mysliveček, mi fece ascoltare tre opere al pianoforte e cantò, mostrandomi il forte talento drammaturgico di Mysliveček con esempi individuali, nonché il suo senso della trama e del contenuto del libretto. La sua capacità di esprimere l'anima e i conflitti dei personaggi era incredibile.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy