email print share on Facebook share on Twitter share on LinkedIn share on reddit pin on Pinterest

SÉRIES MANIA 2023

Vasilis Kekatos • Showrunner e regista di Milky Way

“Volevamo raccontare la nostra versione del Nuovo Testamento”

di 

- Il regista, vincitore della Palma d'oro per il miglior cortometraggio, è pronto a scuotere l'industria delle serialità greca con la prima serie ellenica selezionata a Séries Mania

Vasilis Kekatos  • Showrunner e regista di Milky Way
(© Marie Rouge/Séries Mania)

Chiamatelo cavallo di Troia! Milky Way segue la storia di Maria, un'adolescente desiderosa di lasciarsi alle spalle la sua vita di provincia, ma i cui piani vengono stravolti da una gravidanza indesiderata. Al timone, il regista Vasilis Kekatos ammette di non riuscire ancora a credere che l'emittente Mega Channel gli abbia dato carta bianca per la serie, permettendogli di integrare un'estetica audace, narrazioni queer e critiche progressiste in un format mainstream. Abbiamo incontrato Kekatos al Séries Mania Festival.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Qual è stato il punto di partenza di Milky Way?
Vasilis Kekatos:
La mia adolescenza. Sono cresciuto su un'isola greca chiamata Cefalonia. È un posto molto remoto, soprattutto durante l'inverno. La gente ha quell'immagine pittoresca, che in realtà non ha nulla a che vedere con la bassa stagione. Comunque, crescendo, c'era sempre una ragazza a scuola che rimaneva incinta. Succedeva ogni singolo anno scolastico, e poi non la rivedevamo mai più. Mai. E abortire non era un'opzione. È successo a una mia cara amica, con la quale ho condiviso il banco di scuola per un anno intero. Non potevo fare a meno di immaginare tutte le possibilità che danzavano attorno a lei, per poi improvvisamente volare via. Quindi volevo scrivere una storia su quelle ragazze.

Questo succede ancora?
Sì! Ecco perché abbiamo realizzato la serie. Ad essere onesto, non ero sicuro di voler fare una serie. Ma ho capito che potevo scegliere questo argomento di cui nessuno in Grecia vuole parlare a causa di forti convinzioni religiose o pensieri profondamente conservatori. Sai, abbiamo avuto una dittatura militare fino a circa quarant’anni fa. I nostri genitori l’hanno vissuta. Quindi a volte le cose sembrano ancora piuttosto vecchie in Grecia. E volevamo che questa serie scuotesse tutto, vedere dove potesse arrivare.

Come paragona la sua esperienza nella realizzazione di film con l'industria delle serie?
Sono un po' ignorante su questo aspetto del business. Non so come funzionano i canali TV. Sono abituato a realizzare cortometraggi con molta più libertà, ma sento di aver portato con me quella forza. Ho detto molto chiaramente fin dall'inizio che avevo bisogno di una completa libertà artistica per aderire al progetto. Ricordo di aver incontrato i produttori di Mega Channel, che tra l'altro è l'azienda più audace del paese. Mi dissero che stavamo andando avanti con lo show, e dovevo solo chiedere loro: "Avete davvero letto la sceneggiatura?". Sapevo che il loro entusiasmo nel lavorare con noi derivava dalla nostra vincita della Palma d'oro per il cortometraggio a Cannes. Ma ho anche iniziato a chiedermi se avessero visto quel cortometraggio [The Distance Between Us and the Sky]. Voglio dire, non è niente di folle, ma è comunque piuttosto grafico! Ma l'avevano visto ed erano assolutamente convinti a darci libero sfogo.

La serie utilizza anche simboli religiosi e li sovverte. A che scopo?
I nostri personaggi principali si chiamano Maria e Giuseppe, quindi è piuttosto evocativo. Volevamo creare la nostra versione del Nuovo Testamento. Sembrava rivoluzionario secoli fa, quindi se dovesse essere scritto oggi, penso che questa sia la storia che potremmo ottenere. Non posso dire molto su questo, perché è la spina dorsale della nostra sceneggiatura e non voglio spoilerare la storia. Quello che posso dirvi è che l'ultimo episodio dello show andrà in onda il giorno di Natale in Grecia.

Questa è la prima serie greca ad essere mostrata a Séries Mania. È una sorpresa per lei?
In un certo senso, ci sentiamo ancora come se stessimo facendo cinema, piuttosto che TV. La televisione in Grecia è ancora molto, molto, molto vecchia! Fondamentalmente, si tratta di soap opera. Abbiamo già avuto buoni show, non fraintendetemi, ma l'idea di un canale televisivo greco che scommette sui giovani talenti è decisamente inaudita. E anche in totale libertà – non riesco ancora a credere che sia tutto successo veramente. E sono al settimo cielo per la partecipazione dello show al Séries Mania Festival. È un riconoscimento per il nostro lavoro e per l'enorme rischio che i produttori hanno corso. Ci sentiamo fortunati. Voglio dire, il nostro governo ha recentemente declassato i diplomi delle scuole di recitazione da un livello di laurea a uno di scuola superiore! E poi noi, tra tutti quanti, abbiamo ricevuto il budget più alto di sempre per una serie greca. È un paese strano, questo è sicuro!

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy