email print share on Facebook share on Twitter share on LinkedIn share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2023 Un Certain Regard

Thomas Cailley • Regista di Le Règne animal

"Mi piace mescolare i generi in una storia all'altezza dei personaggi"

di 

- CANNES 2023: Il cineasta francese parla del suo secondo lungometraggio, un film rischioso e molto riuscito, emozionante e intelligente, con esseri umani che si trasformano in animali

Thomas Cailley  • Regista di Le Règne animal
(© Ivan Mathié/Nord-Ouest Films/Studiocanal/France 2 Cinéma/Artémis Productions)

Rivelatosi nel 2014  alla Quinzaine des Réalisateurs con Les Combattants [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Thomas Cailley
scheda film
]
, Thomas Cailley torna sulla Croisette con la sua opera seconda, Le Règne animal [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Thomas Cailley
scheda film
]
, un grande momento di cinema che ha aperto il programma di Un Certain Regard del 76° Festival di Cannes.

Cineuropa: Cosa l'ha attratta della sceneggiatura di Pauline Munier, che ha poi riscritto insieme a lei?
Thomas Cailley: L'ho scoperta per caso, quando ho fatto parte di una giuria nella mia vecchia scuola, La Fémis. Alcuni personaggi avevano sembianze animali. La storia era molto diversa, i temi non erano gli stessi, ma ho scoperto che questa semplice metafora dava accesso a cose fondamentali, al crocevia di ciò che volevo fare. Parlava del corpo, della differenza, della trasmissione, del mondo che vogliamo lasciare ai nostri figli e, più in generale, di questo senso di appartenenza e persino di ascendenza comune con tutto ciò che vive intorno a noi. Senza entrare in un discorso ecologico un po' teorico, ho avuto l'impressione che potessimo farlo a partire dal corpo degli attori, da qualcosa di fisico e viscerale, includendo una dimensione di azione e avventura, e avere il piacere di mescolare i generi in una storia a livello dei personaggi. È questo che mi piace.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
madrid film office feb 2024 elena central

Al centro del film ci sono un padre e un figlio. Come ha voluto rappresentare l'evoluzione del loro rapporto?
All'inizio del film, François (Romain Duris), il padre, è sicuro di sé e del mondo in cui vive. Sta per andare con suo figlio Émile (Paul Kircher) alla ricerca di Lana, sua madre, e a poco a poco perderà le sue certezze e si metterà in discussione. E mentre questo padre si confronta con dubbi e ostacoli, suo figlio trova stranamente un percorso di emancipazione in un mondo disfunzionale. È un viaggio trasversale, in cui i rapporti di forza si invertono e si passa da una relazione in cui François imponeva al figlio la sua visione del mondo, a una relazione di aiuto reciproco, condivisione e ascolto. Il loro rapporto è la forza narrativa del film e ho cercato di utilizzarlo per allungare la narrazione, il cui centro nevralgico è soprattutto emotivo.

Come ha pensato all'immersione nella natura che caratterizza il film?
La natura ha un ruolo centrale e molto importante. Comincio sempre con una fase di location scouting, ben prima di iniziare a scrivere, per cercare di avere una geografia concreta di luoghi, spazi, vincoli, luci e atmosfere. Sapevo che nel Sud-Ovest della Francia avrei trovato ciò che mi interessava per il film e che era anche consustanziale al soggetto. Le Landes de Gascogne possono sembrare completamente trasformate dall'uomo, soprattutto con l'impianto di pini e la coltivazione del mais, ma ci sono anche luoghi che sono come oasi primitive, spesso lagune che concentrano un'enorme quantità di biodiversità. Questi luoghi sono piuttosto segreti e in poche centinaia di metri si passa da una foresta silenziosa a un luogo brulicante di vita, iper-intricato, quasi una giungla con una vegetazione molto densa e un numero enorme di specie. Questo riflette davvero il viaggio del film, che si svolge come in un mondo rivitalizzato, e anche il viaggio dei personaggi.

Le mutazioni erano una scommessa rischiosa sulla carta.
C'era una sceneggiatura con trasformazioni, diversi stadi di mutazione. Due anni prima delle riprese, ho lavorato con il fumettista svizzero Frédérik Peeters per sviluppare un bestiario completo: mammiferi, uccelli, artropodi, abbiamo cercato ovunque. Su questa base, abbiamo lavorato con i character designer specializzati in morfologia umana e che hanno utilizzato foto dettagliate degli attori. Ma durante tutto il processo c'è stato il rischio che non funzionasse, che fosse addirittura grottesco. Ma ho l'impressione che sia proprio sul filo di questo rischio che accade qualcosa di interessante.

Il tema del film, la differenza e la libertà di vivere la differenza, può essere interpretato in modo piuttosto ampio.
I personaggi sperimentano questa differenza nei loro corpi e ciò solleva domande sul posto che possono continuare a occupare nella società. È una metafora universale che può evocare la questione dei disturbi mentali come quella dei migranti. È semplicemente una questione di norma, di come cerchiamo di vivere insieme, di creare una società il più possibile diversificata.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy