email print share on Facebook share on Twitter share on LinkedIn share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2024 Generation

Carlo Sironi • Regista di Quell'estate con Irène

"Non sento il desiderio di ritrarre persone della mia età"

di 

- BERLINALE 2024: Il regista del pluripremiato Sole sfida il caldo siciliano per raccontare la storia di due ragazze che scappano e vivono insieme una vera e propria estate

Carlo Sironi • Regista di Quell'estate con Irène

Clara e Irène (Maria Camilla Brandenburg e Noée Abita) si incontrano in un campeggio organizzato dall'ospedale dove sono in cura. Hanno entrambe 17 anni, ma sono molto diverse. Tuttavia, la loro amicizia sboccia rapidamente. Decidono di scappare e di vivere una vera estate insieme. È il 1997 e il mondo è ai loro piedi – per fortuna, hanno anche una telecamera per immortalare tutto. Il regista Carlo Sironi racconta il suo film Quell’estate con Irène [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Carlo Sironi
scheda film
]
, selezionato alla Berlinale in Generation 14plus.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
my-sextortion-diary_Seattle_ringo

Cineuropa: Lei è interessato all'esperienza della giovinezza: mi viene in mente anche Sole [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Carlo Sironi
scheda film
]
. Perché è così attratto da questo tema?
Carlo Sironi: Mi faccio la stessa domanda. Non sento il desiderio di ritrarre persone della mia età. Non so perché, è molto strano. Finora questa voglia non c'è stata. Non è che non mi veda come un adulto, ma c'è una parte di me che è ancora interessata alle sensazioni che si provano quando si è adolescenti. Inoltre, ho ambientato questo film nel 1997, quando anch'io ero così giovane. Credo di sapere qualcosa di come eravamo allora. Questo film doveva essere ambientato nel passato.

Il film mostra il tipo di estate che le persone ricordano per il resto della loro vita. Inoltre, ammettiamolo, tutto è più intenso quando si è giovani. Forse è per questo che le piace così tanto?
Sì, ma non volevo nemmeno parlare della confusione di oggi. La cosa affascinante è che quando sei così giovane e qualcuno di speciale ti guarda in un modo particolare, senti di poter cambiare. Questo è ciò che accade a Clara. Si sente una ragazza diversa grazie alle attenzioni di Irène.

Pensando a quello che ha detto prima, direi che Sole è un film con i giovani, ma non si tratta affatto di essere giovani, anzi è quasi l'esatto contrario. In un certo senso non sono mai stati giovani. In questo senso, Quell’estate con Irène mi ha dato la possibilità di fare un vero e proprio film sull'adolescenza. Li ho sempre amati. È così divertente e ci si sente così liberi quando si scrive questo tipo di storia. Il problema dei giovani è che la loro vita può sembrare molto semplice, ma non lo è affatto.

Queste ragazze sono interessanti insieme perché sono entrambe sul punto di lasciarsi alle spalle la loro fanciullezza. È per questo che ha voluto che avessero un aspetto un po' maschile o androgino, forse?
Sono anche in bilico tra la malattia e la libertà: sono quasi guarite, ma sono ancora costrette a fare dei controlli di tanto in tanto. Durante le ricerche con Silvana [Tamma, co-sceneggiatrice], abbiamo capito che i loro capelli sarebbero stati così. La goffaggine del loro abbigliamento è venuta dopo. Ricordo che negli anni '90, quando ero giovane, alcuni dei miei vestiti erano ancora così infantili. Volevamo giocare con questo. Non sono ancora donne sicure di sé.

I film estivi sono solitamente legati a storie di crescita: è logico. Tutto accade durante le vacanze.
In realtà stavo immaginando una breve retrospettiva di questi film estivi. Ci sono così tanti capolavori tra questi – basti pensare ai lavori Maurice Pialat, che non giudica mai questi adolescenti, o anche a qualcosa di recente come Licorice Pizza. Questi riferimenti erano già presenti nelle nostre teste mentre scrivevamo.

Devo anche ammettere che questo film mi è venuto in mente in un modo molto strano: continuavo ad ascoltare la canzone dei Cure To Wish Impossible Things. Ha una qualità molto "acquatica". Presto ho iniziato a vedere queste ragazze, all'inizio erano tre, alle prese con la loro malattia. Non era razionale. Ho visto tante scene di questo film ancor prima di girare Sole. In seguito, la cosa è diventata un po' più concreta e abbiamo iniziato le nostre ricerche. Doveva essere ambientato in un ospedale, ma organizzano davvero dei campi estivi per bambini malati. Grazie a questo cambiamento, non è più un film sulla malattia.

Queste ragazze creano la loro realtà: filmano le persone e letteralmente inventano storie di fantasia su di loro.
Desideravo tanto utilizzare alcuni dei vecchi strumenti degli anni ‘90. Avevamo la stessa telecamera, io e i miei amici, e abbiamo girato tanti video estivi. All'epoca era magico poterla usare. Faceva sembrare tutto più grande, non sempre in senso positivo. Ricordo che ci comportavamo in modo così infantile davanti ad essa. Ora le persone si comportano come adulti davanti alle loro videocamere e ai loro telefoni, più adulti di quanto non siano in realtà. Quando mi chiedono di questo film, rispondo: "È solo un film per ragazzi". Ovviamente abbiamo cercato di fare in modo che fosse un po' più di questo, ma abbiamo anche deciso di rimanere vicini al loro punto di vista e di evitare di essere l'ennesimo adulto che guarda al passato con nostalgia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy