email print share on Facebook share on Twitter share on LinkedIn share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2024 Encounters

Eva Trobisch, Adrian Campean • Regista e direttore della fotografia di Ivo

"Questo approccio documentaristico è nato dalla connessione tra interno ed esterno"

di 

- BERLINALE 2024: I due filmmaker ci raccontano il loro dramma sociale intimo ed empatico su una badante devota

Eva Trobisch, Adrian Campean • Regista e direttore della fotografia di Ivo

La regista tedesca Eva Trobisch ha presentato il suo ultimo dramma sociale Ivo [+leggi anche:
recensione
intervista: Eva Trobisch, Adrian Campean
scheda film
]
nella sezione Encounters della Berlinale. L’abbiamo incontrata con il direttore della fotografia, Adrian Campean, per parlare della realizzazione del film, incentrato sul risoluto personaggio del titolo.

Cineuropa: Da dove nasce l'idea del film?
Eva Trobisch:
Cerco i miei personaggi nelle zone grigie o nei mondi intermedi. Mi sono imbattuta nella figura dell'angelo della morte della clinica Charité. Ero affascinata da questa donna che vuole redimere le persone e che, allo stesso tempo, ovviamente gioca a fare Dio. Questo è stato il fattore scatenante e la storia ha iniziato a concentrarsi sulle cure palliative. È stato allora che è arrivato Adrian. Grazie a suo padre, che è un medico che ha fondato un sistema alternativo per la cura dei pazienti palliativi, era molto informato sull'argomento. Anch'io ho fatto delle ricerche. Come nella maggior parte delle professioni infermieristiche, il personale è sottopagato e lavora in condizioni precarie. Spesso non lavorano insieme ai medici ma con il proprio servizio di assistenza. Vanno di casa in casa e non hanno molto tempo per i singoli pazienti.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
my-sextortion-diary_Seattle_ringo

Adrian Campean: All’opposto, mio padre ha creato un sistema in Nord Reno-Westfalia in cui sia l'assistente che i medici lavorano a stretto contatto. Tutti ricevono quasi lo stesso stipendio, che viene integrato da bonus, a seconda del lavoro extra richiesto. Si tratta di cure palliative che si svolgono negli ospizi e, soprattutto, a casa del paziente. Naturalmente, anche in questo caso c'è una pressione temporale, perché ci sono molti pazienti, ma il personale infermieristico e i medici possono prendersi tutto il tempo necessario per prendersi cura delle persone.

Il film è girato in stile documentaristico. Quanto è stato importante per voi essere il più autentici possibile nella rappresentazione della storia? Che  limiti vi siete posti?
E.T.:
Abbiamo trovato la nostra strada al volo; non avevamo un concetto chiaro fin dal principio. All'inizio non ero sicura. Per questo era importante avere Adrian, che aveva un approccio completamente diverso al tema. Insieme a suo padre, abbiamo elaborato le diverse possibilità. Per esempio c'era l'idea di girare un documentario, in modo che i pazienti fossero reali, ma alla fine non mi andava bene. Non era l'approccio cinematografico che cercavo. Avrebbe potuto funzionare se i pazienti fossero stati al centro dell'attenzione. Ma il personaggio principale era Ivo e i pazienti facevano parte del suo mondo. Per questo era importante che tutti i pazienti fossero attori. Tuttavia il resto del personale medico è costituito da infermieri e medici veri, che svolgono un lavoro fantastico e hanno un livello di competenza che sarebbe stato difficile replicare.

A.C.: L'aspetto visivo del film è in parte dovuto anche al budget a disposizione per quanto riguarda le attrezzature o i singoli aspetti tecnici. Ma in realtà ci piaceva anche questo. L'approccio documentaristico deriva anche dalla storia, ad esempio dal collegamento tra interno ed esterno. Molti scorci documentaristici nascono dal fatto che la protagonista gira molto in auto o entra ed esce dagli appartamenti. Alcune cose sono nate da sole, come i piccioni nel cantiere. Abbiamo girato anche in molti appartamenti e case di amici e conoscenti. Abbiamo creato le storie dei personaggi a partire dai motivi che abbiamo trovato lì. Naturalmente, questo si aggiunge alle ricerche che abbiamo fatto in precedenza.

Il vostro atteggiamento personale nei confronti di questo tema è cambiato in seguito alla realizzazione del film?
E.T.:
Il film è stato per me una grande, essenziale esperienza. La maggior parte delle persone che affrontano il tema della morte probabilmente hanno una visione diversa della vita e trovano un rapporto diverso con essa. Si diventa incredibilmente umili verso la propria salute e quella degli altri. Quello che ho dovuto imparare è stato trovare il mio atteggiamento nei confronti dei pazienti. All'inizio ero cauta: è facile scivolare nella compassione, in un tono compassionevole che non aiuta il paziente. Tutti i medici e gli infermieri hanno una franchezza  che rende possibile un aiuto concreto.

Quali erano i criteri più importanti che l'attrice doveva soddisfare per il ruolo di Ivo?
E.T.: Minna Wündrich
, che recita principalmente in teatro, si è impegnata nel progetto con grande dedizione e volontà di rischiare, modellando e illuminando il suo personaggio in modo più preciso ogni giorno che passava. Grazie a Minna, Ivo possedeva alla fine questa luminosità senza fronzoli. L'Ivo di Minna è paziente e avvincente, è forte e possiede una grande empatia, ma allo stesso tempo è capace di distacco emotivo.

In collaborazione con

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy