email print share on Facebook share on Twitter share on LinkedIn share on reddit pin on Pinterest

TRIBECA 2024

Vinko Tomičić Salinas • Regista di El ladrón de perros

“Questa città è l'unico posto in cui mi sembra che il tempo si sia fermato”

di 

- Lo sceneggiatore e e regista cileno racconta le fasi più importanti della pre-produzione del suo nuovo film e perché l'ambientazione di La Paz è così speciale

Vinko Tomičić Salinas • Regista di El ladrón de perros

L’opera prima di Vinko Tomičić Salinas, The Dog Thief [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Vinko Tomičić Salinas
scheda film
]
, è stata presentata in anteprima al Tribeca Film Festival, nel concorso International Narrative. Abbiamo incontrato il regista per sapere di più del suo film.

Cineuropa: The Dog Thief include molte relazioni complesse, come quella tra il protagonista, Martín, e la sua figura paterna, il Señor Novoa – ma anche tra Novoa e il suo cane Astor e tra Martín e Astor. Come ha concepito i nessi tra le varie relazioni sullo schermo?
Vinko Tomičić Salinas:
Ho pensato al legame tra Martín e il cane, questo è stato l'innesco creativo per me. Ha portato a molte cose che mi hanno fatto godere del processo creativo. È più comune avere una storia con un rapporto figlio-padre o una figura paterna. Ma quando è entrato in scena il cane, la sfida è stata quella di costruire per lui due relazioni diverse e di capire come entrambe potessero alimentarsi l'una con l'altra, creando qualcosa di più interessante e complesso. L'essenza del film è il bisogno o il desiderio di Martín di trovare l'amore e di essere amato. La sfida per me, come sceneggiatore e poi come regista, era come risolvere questo. Martín trova l'amore nel cane, ma anche nel rapporto con il padre. Tuttavia, a un certo punto, deve decidere cosa fare perché riceve amore da entrambe le parti, e queste sono in conflitto.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Da un lato, La Paz è chiaramente molto urbana e ben frequentata; dall'altro, offre opportunità per momenti personali e segreti che si nascondono in diversi angoli.
Credo che il film non sarebbe stato possibile altrove. Non sarebbe stato possibile senza La Paz, perché nella mia esperienza questa città è l'unico posto in cui mi sembra che il tempo si sia fermato. Credo sia molto difficile trovare un altro posto al mondo con questa caratteristica. Con l'omogeneizzazione, con la globalizzazione, tutte le città sono ormai uguali. Per esempio, se si passeggia per il centro di Santiago del Cile, ha molto in comune con città come Amsterdam o New York. Ma La Paz ha una personalità unica. In alcuni luoghi dell'America Latina, ma in particolare a La Paz, alcuni mestieri come il sarto o il lustrascarpe sono ancora vivi e vegeti. È una cosa davvero unica, perché nella maggior parte delle città questi mestieri stanno scomparendo e i lavori si stanno industrializzando.

La musica ha un ruolo unico nel film, dalla musica diegetica della band di cui Martín fa parte alla colonna sonora che fa uso di molti suoni ambientali.
È stata la mia prima esperienza di lavoro su un film con una colonna sonora originale e un compositore. Questo processo è stato l'ultimo del flusso di lavoro. Durante il mio processo creativo, dalla scrittura alle riprese fino al montaggio, pensavo sempre di montare il film con il solo suono diretto, facendo il sound design con i suoni ambientali e della città. Così, quando ho lavorato con Wissam Hojeij, il compositore, abbiamo cercato di creare una musica che non fosse invasiva. Abbiamo anche lavorato con la tromba perché Martín suona la tromba nella storia, ma anche perché fa riferimento al vento, che era anche una cosa importante per me.

Come si è evoluto il film o la storia nel corso del processo di sviluppo? Il film è stato sottoposto a diversi workshop di sviluppo.
Innanzitutto, il processo di sviluppo è stato troppo lungo. È stato un lungo processo di scrittura e, come lei ha detto, è passato attraverso molte fasi di sviluppo. La sceneggiatura ha avuto molte versioni, ma ha sempre mantenuto l'essenza della storia. Ma credo che la parte più importante del processo sia stato il tempo trascorso a La Paz con Franklin Aro, l'attore, perché più tempo passavo con lui, più apparivano cose importanti nell'ultima versione della storia. La banda e la scuola, tutto questo universo che ora è nel film, è apparso durante il periodo che ho trascorso con Franklin.

Un'altra cosa molto importante che è emersa passando del tempo con Franklin è stato il tema del bullismo. Negli ultimi giorni prima delle riprese, ho trascorso del tempo con lui e siamo andati in alcuni luoghi solo per provare alcune parti del film, e ho visto e sentito la discriminazione insieme a lui. Per esempio, siamo andati in una sala da biliardo per provare una scena e ci hanno buttato fuori perché lui era vestito da lustrascarpe. È stato un momento molto importante e traumatico. Ma ho parlato con Franklin e gli ho detto che dovevamo elaborare l'accaduto e i sentimenti che ne derivavano in un altro modo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy