email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Adriana Chiesa • Vice Presidente dell'Associazione europea degli esportatori cinematografici

Il cinema europeo si organizza

di 

- L’incontro di Cannes nel 2002 ha dato i suoi frutti: si realizza l'Associazione europea degli esportatori cinematografici. Cineuropa intervista la vice presidente dell'associazione

Adriana Chiesa • Vice Presidente dell'Associazione europea degli esportatori cinematografici

L'Associazione degli esportatori dei film aveva dato il primo impulso nel 2002 a Cannes nel corso di un incontro un po' informale tra alcuni esportatori europei. Ecco che oggi l'Efea (European Film Export Association) esiste, ha la sua sede a Parigi, ed è operativa. La direttrice di Adriana Chiesa Enterprises, Adriana Chiesa Di Palma è anche vicepresidente di questa nuova realtà. Quando l'abbiamo incontrata durante l'ultimo Festival di Berlino, ci ha spiegato che vede in questa neonata associazione il nuovo fronte unico degli esportatori per difendere e rendere ben riconoscibile il cinema europeo..

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Cosa è l'Efea?
"E' una associazione fondata da Jacques Eric Strauss che si pone come obiettivo quello di far stringere nuovi legami tra gli esportatori dei differenti Paesi. L'associazione è operativa e funzionante da due mesi. Al momento riunisce 20 membri, un numero che dovrebbe presto raddoppiare. Ci occupiamo di questioni pratiche, di soddisfare i nostri membri su problematiche come l'arbitrato, i mercati e il loro andamento. Inoltre, ci occupiamo anche di favorire la circolazione del cinema europeo in Europa e nel mondo. Anche gli indipendenti, che sono più deboli, devono difendersi. Ci auguriamo inoltre di fare da ponte tra le diverse strutture europee, come l'European Film Academy, della quale sono membro, per creare delle partnership e assicurare maggiore visibilità ai nostri film. Si tratta di valorizzare le nostre attività e di favorire l'insieme delle professioni del cinema per salvaguardare i nostri interessi. Speriamo in una evoluzione nel breve periodo della politica dell'Unione Europea, che per il momento è inesistente. Credo che l'associazione sia nata nel momento giusto".

Quali misure pensate di adottare?
"La televisione è un importante sbocco per il cinema europeo. E le reti televisive non sono tutte private, una buona parte dipende dai governi".

Afferma che è il momento giusto, in che senso?
"Dal punto di vista della propria storia, l'Europa si trova in una fase in cui comincia a dimostrare di esistere . Per il cinema europeo vale lo stesso discorso. Il mercato europeo è sempre più produttivo, le coproduzioni si stanno moltiplicando… c'è un cinema europeo di qualità e un aumento della domanda di questo tipo di cinema. In ogni caso dobbiamo dimostrare che questo cinema europeo esiste. Le televisioni nazionali, per esempio, non se ne sono accorte. L'European Film Market di Berlino lo ha appena dimostrato".

Come le è sembrato il mercato della Berlinale?
"Sono molto soddisfatta. Come sempre, sono stati venduti molti film tra Paesi europei, ma anche fuori dal vecchio Continente e soprattutto in Asia. Noi membri dell'associazione ci siamo potuti incontrare e abbiamo potuto confrontarci, discutere delle diverse problematiche, scoprendo che sono più o meno le stesse. E' molto incoraggiante per i nostri progetti futuri il fatto che possiamo misurare le nostre attese, i nostri desideri e la nostra intesa".

E come sta il cinema italino?
"Molto bene! La vita che vorrei [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
ha avuto un ottimo successo a Berlino e anche Saimir ha conquistato il pubblico della sezione KinderfilmFestival. Ma tutta una generazione di registi e attori italiani è ancora poco conosciuta all'estero. C'è ancora un anello mancante nella nostra industria cinematografica. Questi talenti devono emergere sulla scena europea e internazionale. Il ruolo dell'Efea dovrebbe essere anche questo".

Lista dei membri dell'Efea

Belgio
Brussels Avenue Jochen D.Girsch, Marie-Do De La Patelliere

Danimarca
Trust Film Sales Annakarin Strom, Tine Klint
Nordisk Film International Sales Susan Wendt

Svezia
NonStop Sales Michael Werner

Germania
Atlas International Film Dieter Menz, Stefan Menz, Christl Blum
Bavaria Film International Thorsten Schaumann

Italia
Adriana Chiesa Enterprises Adriana Chiesa Di Palma
Filmexport Group Roberto Di Girolamo
Intramovies Paola Corvino, Jeff Nuyts
Variety Communications SRL Maria Rita Tuccio
Movie Time Stefano Libassi

Spagna
Sogepaq Sogecine Simon De Santiago Areizaga, Sophie de Mac Mahon
KWA - Kevin Williams Assoc. Kevin Williams

UK
Renaissance Films Claire Taylor, Angus Finney

FRANCIA
Les Films 26 Jean-Paul De Vidas
Gaumont Philippe De Chaisemartin
Onoma Pascal Diot
Orly Films ALAIN VANNIER
Plaza Production International Jacques Eric Strauss
Roissy Films Raphaël Berdugo

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy