email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Jan Erik Holst • Norwegian Film Institute

Promuovere i talenti norvegesi

di 

Jan Erik Holst • Norwegian Film Institute

Jan Erik Holst, grande personalità dell’industria cinematografica norvegese fin dagli anni 70, si occupa della distribuzione e del marketing dei film norvegesi all’estero. Impegnato come non mai a girare il mondo e a ritirare premi — con registi come Sara Johnsen (Kissed by Winter [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), Pål Sletaune (Next Door), Jens Lien (The Bothersome Man [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jens Lien
intervista: Jørgen Storm Rosenberg
scheda film
]
) e Joachim Trier (Reprise) — questo ambasciatore del cinema ci ha raccontato lo sviluppo della nouvelle vague norvegese.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa : In maggio, quando la Norvegia stava per presentare quattro film nella selezione ufficiale di Cannes, lei ha dichiarato: "Per un piccolo paese con una produzione limitata (19 film nel 2005), la nostra forte presenza è una bella sorpresa. Ma me lo aspettavo: i primi diplomati della nostra nuova scuola nazionale di cinema a Lillehammer cominciano ad influenzare il cinema norvegese, ed è solo l’inizio ". Perché è tanto importante la scuola di Lillehammer?
Jan Erik Holst : Una nuova generazione di registi, tra i quali Sara Johnsen (Kissed by Winter), Ove Raymond Gyldenås (Tommy’s Inferno) e Erik Richter Strand (Sons), e dei produttori come Christian Fredrik Martin (Friland Film) e Jorgen Storm Rosenberg (Tordenfilm) hanno preso il diploma a questa scuola. La sua forza è che tratta la realizzazione di un film come un lavoro collettivo tra registi, sceneggiatori e produttori e questi continuano a collaborare alla scuola anche dopo il diploma. L'Istituto norvegese per il cinema aiuta volentieri questi giovani.

Quali iniziative intende intaprendere per assicurare un bel ruolo al cinema norvegese anche all’estero?
Con il ministero della Cultura, pensiamo di offrire dei premi per l’esportazione dei film d’esordio, come accade in Francia con Unifrance o in Germania con German Films. Quando un film ha un agente internazionale e viene venduto, i distributori che lo hanno comprato possono contattarci prer un sostegno sulla pubblicità e le copie. Non vogliamo dare altri soldi a registi al loro primo film o ai rivenditori, ma ai distributori stranieri sì, è chiaro. Questo sostegno si presenterebbe come un prestito, per evitare alcuni ostacoli legati all'UE. Speriamo di far partire questo progeto già nel 2007.
Inoltre, stiamo lavorando duramente sulla nostra politica con il Fondo norvegese per il cinema . In questi ultimi cinque anni, il nostro obiettivo era di raddoppiare il numero dei film prodotti ogni anno. Erano 8 nel 2001 ; ora siamo a quota 20 (contando anche i film per ragazzi). E‘ un buon numero. Sarebbe difficile andare oltre perché il nostro mercato non potrebbe assorbire di più.

I film norvegesi hanno ancora difficoltà ad essere esportati, tranne che negli altri paesi nordici...
La Germania è il paese in cui esportiamo di più, seguono Francia, Italia, Spagna , America Latina — ma lo scarto è grande tra Germania e gli altri territori perché la prima acquista un terzo della nostra produzione, mentre al massimo 2-3 film escono in Francia ogni anno. Quanto ai paesi nordici, la nostra incapacità di superare la frontiera è legata al nostro passato coloniale. Per molto tempo, sono le culture dei due paesi ledaer (Svezia e Danimarca) ad essere penetrate negli altri paesi. Vediamo tanti film danesi e svedesi ma il contrario è abbastanza raro. Tuttavia, la i nostri film hanno molte chance di essere trasmessi nelle televisioni scandinave.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy