email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Europa

Il cinema europeo invade Tribeca

di 

Il cinema europeo invade Tribeca

Il Tribeca Film Festival 2009 si apre stasera con l'ultimo film di Woody Allen, Whatever Works. Il festival, che si chiuderà il 3 maggio, ha in line-up 86 lungometraggi e 46 corti, e una forte selezione di titoli europei, già apprezzati in tutto il mondo, oltre a numerose anteprime internazionali e mondiali.

Alla conferenza stampa inaugurale di ieri, i fondatori del festival Jane Rosenthal e Robert De Niro hanno parlato della determinazione a superare le difficoltà economiche di questo periodo. Rosenthal ha aggiunto di essere orgogliosa del Tribeca, che è “presente stabilmente nel calendario culturale di New York e del cinema internazionale”.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Sei titoli del Concorso World Narrative sono co-produzioni europee, e fra questi le anteprime mondiali di The Eclipse di Conor McPherson (Irlanda), Here and There del serbo Darko Lungulov e del film franco/tedesco Queen to Play di Caroline Bottaro.

Tra i lungometraggi inseriti in World Documentary parzialmente o totalmente europei ci sono Only When I Dance (Brasile/Regno Unito) di Beadie Finzi e Team Quatar (Regno Unito) di Liz Mermin, entrambi anteprime mondiali, e l'anteprima internazionale della pellicola sull'anti-semitismo di Yoav Shamir Defamation (Danimarca/Austria/USA/Israele).

Nella sezione collaterale Discovery sono presenti due anteprime mondiali europee — My Last Five Girlfriends del britannico Julian Kemp e il danese Original [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Alexander Brøndsted e Antonio Tublen — assieme all'anteprima internazionale di The Swimsuit Issue [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dello svedese Mans Herngren.

Tra i film europei presentati in anteprima mondiale ci sono lo statunitense/britannico Tell Tale di Michael Cuesta (Encounters section), e, nella sezione Midnight screenings, Newsmakers (Russia/Svezia) di Anders Banke e Paintball di Daniel Benmayor (Spagna).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy