email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

USCITE Germania

Un altro sguardo sulla RAF

di 

Gli schermi tedeschi accolgono da oggi Schattenwelt [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
(t.i. Long Shadows), penultimo film della stimata regista Connie Walther (mentre il suo ultimissimo progetto, Frau Böhm sagt Nein, con Senta Berger, è al momento in concorso al Festival del cinema tedesco di Ludwigshafen).

Contrariamente a uno dei grandi titoli dell'anno, il candidato agli Oscar La banda Baader-Meinhof [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Schattenwelt evoca il terrorismo della Frazione armata rossa (RAF in tedesco) dal punto di vista delle vittime, attraverso l'incontro tra Volker, ex membro del gruppo terroristico che esce di prigione dopo vent'anni di detenzione (Ulrich Noethen), e la sua fragile vicina Valerie (Franziska Petri), il cui padre è stato ucciso da Volker.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Questo titolo, prodotto dalla società berlinese Next Film e dalla società con sede a Ludwigsburg Gambit Film, è distribuito da Salzgeber.

X Verleih lancia la coproduzione franco-tedesca The Countess [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Anna Maria Mühe
scheda film
]
di Julie Delpy, titolo selezionato nella sezione Panorama dell'ultima Berlinale (leggi l'articolo) in cui l'attrice e regista francese impersona la contessa ungherese del XVImo secolo Erzébet Bathory, detta la contessa sanguinaria, e divide la scena con William Hurt, Daniel Brühl e la romena Anamaria Marinca (4 mesi, 3 settimane e 2 giorni [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Cristian Mungiu
intervista: Oleg Mutu
scheda film
]
).

In cartellone c'è un'altra coproduzione francese, stavolta con la Svizzera e il Belgio, distribuita da Arsenal. Si tratta di Home [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Thierry Spicher
intervista: Ursula Meier
scheda film
]
di Ursula Meier, con Isabelle Huppert e Olivier Gourmet, dove una famiglia di campagna impara a vivere sul bordo di una grande autostrada e sviluppa nuovi comportamenti a contatto con questa fonte di rumore, pericolo e sporcizia.

Fugu distribuisce invece un racconto sull'adolescenza ambientato a Dublino nel 1979, 32 A – It's a Girl Thing [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dell'irlandese Marian Quinn, sul primo reggiseno, i primi baci e le prime serate in discoteca di una studentessa di 13 anni.

Completa la lista delle novità europee della settimana Auf der Suche nach dem Gedächtnis, ritratto di Petra Seeger dello psichiatra e ricercatore in neuroscienze Eric Kandel, vincitore di un Premio Nobel nel 2000 per i suoi lavori sulla memoria (distr. W-Film).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy