email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VENEZIA 2009 Belgio

Mr Nobody al Lido

di 

Mr Nobody al Lido

Ci si aspettava di vederlo a Cannes, ma alla fine sarà presentato a Venezia, con la speranza di aggiungere un importante tassello alla sua collezione di riconoscimenti festivalieri. Jaco Van Dormael svelerà la sua nuova e attesissima opera Mr. Nobody [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jaco Van Dormael
intervista: Jaco Van Dormael
scheda film
]
al Lido a inizio settembre. Marco Muller avrà dunque soddisfatto le esigenze della produzione del film, visto che si mormora che quest'ultima avesse rifiutato una proiezione fuori concorso sulla Croisette. Da mesi, e ancor di più da questa inaspettata selezione, corrono le voci più folli su questo film. Un trailer e alcune foto sono già in circolazione, ma la sinossi continua a suscitare grande curiosità, e a ragione.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

2092, Nemo, 123 primavere al suo attivo, è l'ultimo dei mortali in un mondo popolato da immortali. Nei suoi ultimi momenti di vita terrestre, volge il suo sguardo verso il passato. O meglio, sui suoi passati. La proiezione veneziana comincerà a dare qualche risposta, in attesa dell'uscita sugli schermi belgi prevista per il 7 ottobre (Belga Films). Sarà Pathé a distribuire il film in Francia.

Concepito già 13 anni fa dal suo regista, Mr Nobody è un'anomalia nel panorama cinematografico belga, definito dal giornale Le Soir come "il film più folle del cinema belga". Ci sono voluti tre anni per raccogliere i finanziamenti di questa megaproduzione dotata di un budget colossale (oltre 30 milioni di euro) e di un cast internazionale. Quattro paesi vi hanno partecipato: la Francia (Pan-Européenne), il Belgio (Climax Films), la Germania (Lago Film, Integral Film) e il Canada. In Belgio il film ha ricevuto il sostegno del Centre du Cinéma de la Communauté française de Belgique, del Vlaams Audiovisueel Fonds, di Wallimage e del Tax Shelter. Ma al di là delle considerazioni materiali, il film è innanzitutto una favola poetica, una declinazione al contempo rétro e futurista dell'universo Van Dormael, il suo "primo film giovane", come lui stesso lo definisce.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy