email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PRODUZIONE Regno Unito

We Want Sex, storia di donne e diritti civili

di 

Il regista Nigel Cole (Calendar Girls) ha completato le riprese della commedia drammatica We Want Sex, prodotta da Stephen Woolley ed Elizabeth Carlsen di Number 9 Films.

Il film vede la partecipazione di Sally Hawkins nel ruolo di Rita O’Grady, leader carismatica nello sciopero di 187 operaie delle macchine da cucire della Ford Dagenham, nel 1968, che portò alla sigla della Legge sulla Parità di Retribuzione. Il cast include anche Andrea Riseborough, Bob Hoskins, Daniel Mays, Geraldine James, Miranda Richardson, Rosamund Pike e Rupert Graves.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Il finanziamento è di BBC Films, Premiere Fund dello UK Film Council (UKFC), BMS Finance e Lip Sync Productions, e HanWay Films si occupa delle vendite mondiali. Il film è già stato venduto in 25 paesi, fra i quali ARP in Francia, Lucky Red in Italia e Paramount Pictures nel Regno Unito.

Woolley ha dichiarato: “Il mio partner produttivo, Elizabeth Karlsen, ed io, abbiamo fatto crescere questo film per quattro anni, e se il tema di base riveste una enorme importanza per il movimento femminista — la parità di retribuzione —, la nostra sceneggiatura è piena di umorismo e tocca i picchi emotivi e la depressione che queste donne hanno provato nella loro storia di impegno”.

Il direttore creativo di BBC Films, Christine Langan, ha dichiarato: “Con un team meraviglioso ed un cast eccellente, Elizabeth, Stephen e Nigel hanno trovato un ottimo ambiente e fatto giustizia al commovente script di Billy Ivory”.

Sally Caplan, Responsabile del Premiere Fund dello UKFC ha commentato “We Want Sex è un film è davvero importante per lo UK Film Council, ed è il genere di storia che l’industria britannica sa raccontare così bene — una vicenda portata sul grande schermo da alcuni dei nostri migliori talenti, che narra con umorismo ed emozioni un punto di svolta nella storia britannica”.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy