email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PRODUZIONE Francia

Robert Mitchum est mort: road-movie europeo

di 

Robert Mitchum est mort: road-movie europeo

I mitici attori del cinema americano continuano a ispirare i giovani registi francesi. Dopo Adieu Gary [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
(Cooper) di Nassim Amaouche, ecco infatti Robert Mitchum est mort, opera prima del duo Olivier Babinet (premio speciale della giuria quest'anno a Clermont Ferrand per il suo cortometraggio C'est plutôt genre Johnny Walker) - Fred Kihn, una coproduzione tra la Francia (49 %), il Belgio (22 %), la Polonia (18 %) e la Norvegia (11 %).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Nel cast di questo road-movie attualmente in lavorazione figurano Olivier Gourmet (sugli schermi l'anno prossimo con Blanc comme neige di Christophe Blanc e Vénus noire di Abdellatif Kechiche), Pablo Nicomedes, André Wilms, Bakary Sangaré, Danuta Stenka (migliore attrice non protagonista ai Polish Film Awards 2008 per Katyn [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Andrzej Wajda
intervista: Michal Kwiecinski
scheda film
]
) e il norvegese Nils Utsi. Da notare che la direzione della fotografia è affidata a Timo Salminen (fedele capo operatore di Aki Kaurismaki).

Scritta dai registi (da una serie di Canal +), la sceneggiatura racconta le disavventure di Franky (Pablo Nicomedes), attore insonne e disoccupato, e del suo manager Arsène (Olivier Gourmet). Per evitare la depressione totale del primo che è suo amico, oltre che suo figlio spirituale e sua fonte di guadagno, Arsène (ex rocker e cleptomane) ruba una macchina e si mette in viaggio con Franky in direzione del circolo polare, facendogli credere di avere un appuntamento con un celebre regista che sta preparando un film americano. Segue un'odissea rocambolesca attraverso l'Europa, con un Franky incapace talvolta di distinguere il sogno dalla realtà.

Prodotto da Igor Wojtowicz per la società francese Ferris & Brockman, Robert Mitchum est mort è coprodotto da Panache Productions (Belgio), Studio Agart (Polonia) e Sweet Films (Norvegia), per un budget di circa 1,3 M€ che comprende i sostegni di Eurimages, della Comunità francese del Belgio, dell'agenzia culturale dell'Alsazia, oltre ai pre-acquisti di TPS e Ciné Cinéma.

Le sette settimane di riprese sono cominciate il 24 agosto, e dopo aver girato in Polonia, la troupe si trasferirà in Norvegia. Il lungometraggio uscirà nelle sale nell'autunno 2010, distribuito in Francia da Shellac e in Belgio da Cinéart.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy