email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Italia

MedFilm, il Cinema del Mediterraneo a Roma

di 

Francia e Marocco sono i Paesi ospiti d’onore della XV edizione del MedFilm Festival, che si tiene a Roma dal 7 al 15 novembre, con una nuova selezione di film provenienti da diverse culture che nel Mediterraneo trovano un denominatore comune.

132 opere tra lungometraggi, corti e documentari, per la maggior parte in anteprima costituiscono la proposta cinematografica di quest’anno. Ad inaugurare il Festival all’Auditorium della Conciliazione, il film Le Grand Voyage - Viaggio alla Mecca, del marocchino Ismael Ferroukhi, emozionante road movie coprodotto da Francia e Marocco e vincitore del Leone del Futuro alla 61esima Mostra di Venezia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Il Concorso ufficiale presenta 11 pellicole, di cui ben cinque sono l’esordio nel lungometraggio di registi certamente destinati a scrivere il futuro della storia del cinema mediterraneo, come il libanese Hany Tamba con Melodrama Habibi [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, il turco Mahmut Fazil Coskun con Uzak Ihtimal-Wrong Rosary lo spagnolo Roberto Caston con Ander [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
. È un’opera prima anche il film italiano in concorso, Good Morning, Aman [+leggi anche:
recensione
scheda film
]
di Claudio Noce con Valerio Mastandrea che ha partecipato anche alla produzione del film.

Le difficoltà d’integrazione per gli emigranti di seconda generazione sono al centro di due film in concorso: Athanasia del greco Panov Karkanevatos, coproduzione Grecia, Usa, Olanda e Belgio, e Águas mil del portoghese Ivo M. Ferreira.

Numerosi i personaggi femminili forti: in Hijab el hob, Amours Voilés del marocchino Aziz Salmy, nel thriller drammatico Dowaha della tunisina Raja Amari, ne La Journée de la jupe [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del francese Jean-Paul Lilienfeld. La rosa dei film candidati al Premio Amore e Psiche comprende anche London River [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del franco-algerino Rachid Bouchareb, il regista di Indigènes [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jean Bréhat
intervista: Rachid Bouchareb
scheda film
]
film che ha fruttato a Cannes il premio per la migliore interpretazione a tutti i suoi protagonisti.

Subito dopo l’evento di Roma, MedFilm proseguirà il suo viaggio per approdare ad Istanbul dal 4 al 10 dicembre con la II edizione del "Festival del Cinema Italiano", 30 film distribuiti da società italiane, che sono parte del progetto "Roma – Istanbul: Crossing the bridge".

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy