email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FILM Portogallo

Os sorrisos do destino, quando non ci resta che ridere

di 

Os sorrisos do destino, quando non ci resta che ridere

Il 73enne regista portoghese Fernando Lopes ha presentato in anteprima all'Estoril Film Festival la sua ultima fatica, Os sorrisos do destino (Twist of Fate), commedia sui piaceri e i dispiaceri della vita quotidiana accolta dal pubblico con grande entusiasmo.

Os sorrisos do destino è la storia di Carlos (Rui Morrison), uomo di mezza età, padre di un figlio trentenne, marito fedele e buon professionista, amante del bolero e della buona cucina ma assolutamente allergico alle teconologie. Un giorno Carlos, nonostante la sua avversione, legge un sms giunto al telefonino dell'affascinante moglie Ada (Ana Padrão), e scopre cosí che nella vita della donna c'è un certo Manuel B, con il quale lei sembra passare degli ardenti momenti di passione.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Carlos in poco tempo scopre chi è Manuel B (Milton Lopes), si presenta a casa sua, lo conosce, lo detesta prima, lo apprezza poi e finisce per diventarne amico. In un alternarsi di situazioni comiche e paradossali, la vita di Carlos è messa completamente sottosopra, tanto da vedersi costretto a fare uso e abuso delle tecnologie (fa controllare il cellulare della moglie), abbandonando cosí i suoi principi e lasciandosi sopraffare dal potere del telefono cellulare che diventa, con la sua invadente suoneria, il protagonista indiscusso di ogni situazione.

Il protagonista del film di Fernando Lopes si rende conto che le relazioni umane sono oramai appese ad un filo, o meglio, a delle onde virtuali attraverso le quali si possono scoprire verità inimmaginabili e alimentare amicizie improbabili. La verità è che la capacità di reiventare il quotidiano, rovesciare le situazioni e trasformare i drammi in commedie è propria dell'uomo ed è il frutto dell'interazione tra animalità e cerebralità, che nessuna macchina potrà mai rimpiazzare. Bisogna solo augurarsi, come fa Lopes, che la freddezza del mondo virtuale non sia cosí forte da raggelare questa grande capacità umana di saper giocare con il destino. Per il momento quindi non ci resta che ridere, tecnologie permettendo.

Os sorrisos do destino, distribuito questo giovedi nelle sale portoghesi da Atalanta Filmes, è stato prodotto da Paulo Branco per la Clap Filmes, in collaborazione con l'Instituto do Cinema e do Audiovisual (ICA) e la Rádio e Televisão do Portugal.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.