email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

INDUSTRIA Regno Unito

Nuova legge sul cinema: attaccare i pirati, rafforzare Film 4

di 

La Regina ha duramente ammonito i pirati nel suo discorso annuale al Parlamento, durante l’introduzione del Decreto Legge sull’Economia Digitale.

I due approcci inseriti nella proposta di legge erano già stati presentati nel rapporto di Lord Mandelson a inizio anno, e prevedono una prima fase di “ammonimento” per chi infrange le regole e una seconda che, laddove necessario, vedrà il taglio della connessione a banda larga per i trasgressori.

Tim Bevan, Presidente dello UK Film Council (UKFC), ha dichiarato: “La pirateria colpisce gli incassi cinematografici, minaccia i posti di lavoro e riduce il rinvestimento in nuovi film. Il futuro del cinema digitale è una prospettiva interessantissima, ma il suo ovvio svantaggio è che la pirateria avverrà anche più facilmente. Per questo crediamo che tali misure debbano essere supportate e introdotte il più rapidamente possibile”.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Il Decreto propone inoltre l’obbligo da parte di Channel 4 di investire nel cinema. Il direttore generale dello UKFC, John Woodward, ha dichiarato: “Includere il cinema tra le competenze di Channel 4 per la prima volta è una misura richiesta dallo UK Film Council ormai da molti anni. Channel 4 ha supportato importanti film britannici nel tempo, e rafforzare ancora di più il suo ruolo nella produzione può essere importante per il futuro del settore cinematografico inglese e della cultura cinematografica stessa. Finché il ruolo di Channel 4 non sarà definito, Film 4 resterà sempre appeso a un filo. La nuova legislazione porterà finalmente il cinema al centro delle competenze del servizio pubblico di Channel 4”.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy