email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

USCITE Francia

Marion Cotillard e Guillaume Canet in Le dernier vol

di 

Marion Cotillard e Guillaume Canet in Le dernier vol

Un caso da studiare quello di oggi, con il lancio in oltre 350 copie da parte di Gaumont della sua produzione Le dernier vol di Karim Dridi. Il film è stato accolto in modo freddino dalla critica, ma può contare sulla popolarità di Marion Cotillard e Guillaume Canet, che fanno coppia anche nella vita. Un duo glamour per un lungometraggio storico e romantico che ha come cornice il Sahara francese nel 1933, diretto da un regista abituato finora a fare film d'autore con piccoli budget (da Pigalle a Khamsa).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ispirata all'omonimo romanzo di Sylvain Estibal, la sceneggiatura segue un'avventuriera che tenta di ritrovare il suo amante, un pilota inglese scomparso nel deserto. Costretta ad atterrare con il suo biplano nel Ténéré, incontra alcuni meharisti francesi che rifiutano di aiutarla a causa delle ribellioni tuareg. Ma un luogotenente disobbedisce ai suoi superiori e porta la giovane donna in una rischiosa spedizione, durante la quale scopriranno una verità inaspettata.

"Bisogna sempre camminare nella speranza di trovare qualcosa, e anche se non si trova quello che si stava cercando, si troverà qualcos'altro. Bisogna sempre andare avanti per restare vivi". Questo, secondo Karim Dridi, è il messaggio di questo film prodotto da Gaumont per un budget di circa 12 M€, che include le coproduzioni di France 3 Cinéma e di Les Films du Dauphin, oltre ai pre-acquisti di Canal + e Ciné Cinéma.

Questo mercoledì escono anche due titoli firmati da giovani registi francesi: l'ottima coproduzione franco-tedesca Le père de mes enfants [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Mia Hansen-Løve
scheda film
]
di Mia Hansen-Love, premio speciale della giuria Un Certain Regard all'ultimo festival di Cannes (distribuzione Les Films du Losange in 58 copie) e il commovente Gamines di Eléonore Faucher (articolo - UGC Distribution su un centinaio di copie). Arriva nelle sale, con un buon sostegno della critica, anche The Happiest Girl in the World [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del romeno Radu Jude (news - Pyramide in 17 copie).

L’animazione europea è presente con due coproduzioni: il film franco-italiano Kérity, La Maison des Contes [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Dominique Monféry (che ha ottenuto un anticipo sugli incassi post-realizzazione del Centre National du Cinéma et de l’image animée (CNC) - distribuzione Haut et Court in 216 copie) e il lungometraggio tedesco-franco-romeno Jasper: Journey to the End of the World di Eckart Fingberg (Bac Films - 130 copie).

Da segnalare infine la coproduzione tedesco-israelo-giapponese Sweet Mud di Dror Shaul (Colifilms) e il documentario D'Arusha à Arusha [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Christophe Gargot (Conte-Allée Distribution), insieme a quattro produzioni americane, tra cui il blockbuster Avatar.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.