email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

USCITE Austria

Megalomani del male, vacanze da incubo e ricordi d'Italia

di 

Megalomani del male, vacanze da incubo e ricordi d'Italia

Gli schermi austriaci proiettano da oggi un film di finzione dal titolo eloquente: Mein Kampf. Questa coproduzione austro-tedesco-svizzera, diretta dall'elvetico Urs Odermatt (che ha da poco terminato il suo nuovo progetto, Der böse Onkel), non è una biografia, bensì una parabola satirica sulla giovinezza artistica di Hitler nella Vienna del 1910.

Vi troviamo quest'ultimo (interpretato da Tom Schilling) nei panni di un miserabile studente che condivide la stanza con due ebrei, Lobkowitz il cuoco kasher e il vecchio Schlomo Herzl (Götz George), che è per lui come un padre. Sempre più megalomane, capriccioso e paranoico, Hitler finirà per sfruttare la gentilezza e le velleità di scrittore di Herzl per lanciarsi nella politica munito del suo celebre manifesto. Mein Kampf è distribuito da Filmladen.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Thimfilm presenta invece la coproduzione austro-svizzero-ungherese The Camera Murderer del romeno Robert-Adrian Pejo, con Andreas Lust (ammirato a livello internazionale per Revanche - Ti ucciderò [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Götz Spielmann
scheda film
]
e la sua performance in The Robber). Questo adattamento di un romanzo di Thomas Glavinic racconta come le idilliache vacanze di Pasqua di due coppie si trasformino in un incubo, sullo sfondo di bimbi rapiti e snuff movie.

Il pubblico potrà vedere anche il film tedesco Engel mit schmutzigen Flügeln (lett. "angeli con le ali sporche") di Roland Reber, inno all'immoralità e all'egoismo, le cui tre protagoniste scarrozzano in moto e fanno quello che vogliono. Questo film è distribuito da wtp international.

Sixpackfilm propone il documentario Totó del viennese Peter Schreiner, recentemente premiato al festival del cinema austriaco Diagonale. In questo film presentato a Venezia nella sezione Orizzonti, il regista torna su temi italianizzanti, paesi natali ritrovati e dialetti che già aveva esplorato nel premiato documentario Bellavista (miglior documentario di Diagonale nel 2007). In Totó, sono i ricordi della Calabria, del mare e della sua lingua che travolgono il protagonista di origine italiana dopo trent'anni a Vienna. Tao-Cinemathek distribuisce invece il documentario tedesco-olandese sul Tibet Mitgefühl, Weisheit und Humor di Boris Penth e Sogyal Rinpoche.

L'ultima novità europea della settimana, dopo il suo lancio in Germania ieri, sempre da Universum, è From Paris With Love [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del francese Pierre Morel, film d'azione in stile hollywoodiano prodotto da Luc Besson, con John Travolta nei panni di un agente segreto e Jonathan Rhys-Meyer in quelli di un giovane diplomatico che fa fronte, insieme a questo improbabile partner, a una minaccia terroristica nella Ville lumière.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy