email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2010 Concorso / Spagna

Biutiful: la Barcellona dei perdenti di Iñárritu

di 

Biutiful: la Barcellona dei perdenti di Iñárritu

Sfruttamento dell'immigrazione clandestina e vita di una famiglia smembrata sono i due temi che, attraverso la storia di un uomo che ha il dono di comunicare con i morti e che scopre di essere malato terminale di cancro, tratta la coproduzione spagnola Biutiful [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del messicano Alejandro González Iñárritu, presentata ieri in concorso al Festival di Cannes.

Ambientato in una Barcellona grigia e monotona, in un clima di aggressione sonora, il film vede un Javier Bardem all'altezza del suo immenso talento. Ma la cappa di fatalità che accompagna il protagonista e la complicata miscela di ritratto intimo, questione sociale affrontata con intento documentario e peripezie al confine con il thriller, fanno di Biutiful un'opera diseguale su cui plana l'ombra dello sceneggiatore Guillermo Arriaga, assente per la prima volta da un film di Iñárritu.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Dopo una riuscita scena d'apertura che pone un vero e proprio mistero, il film traccia il cammino difficoltoso di Uxbal, delinquente che vive di sfruttamento dell'immigrazione africana (vendita ambulante di merce contraffatta) e cinese (laboratori clandestini, lavoro in nero nei cantieri). Da intermediario, Uxbal corrompe la polizia ed entra in affari con i piccoli mafiosi che controllano i clandestini ammassati nei sottosuoli e nei magazzini. All'occorrenza, esercita nelle camere mortuarie anche un potere completamente irrazionale: quello di liberare i morti dalle angosce che li tormentano.

Tirando a campare in questo torbido ambiente, il protagonista cresce da solo i suoi due figli, incrociando di tanto in tanto sua moglie (Maricel Alvarez), una maniaco-depressiva. I due si amano ancora, ma hanno attraversato troppi brutti momenti per riuscire a ricominciare da zero. E la sorte si accanirà su di lui: un cancro alla prostata gli lascia pochi mesi di vita, una stufa a gas non a norma fa una strage di clandestini, il suo dono gli vale solo ulteriori sofferenze. Disperato e tenendo nascosta la sua morte imminente, Uxbal tenta di sopravvivere per i suoi bambini, di regolare i suoi debiti morali e sentimentali, ma tutto diventa sempre più difficile, come se si trattasse di una punizione divina.

Prodotto dai messicani di Menage Atroz, Biutiful è coprodotto dalle società spagnole Mod Producciones e Ikiru Film, con la partecipazione di Television Espanola e di Televisio de Catalunya, e con il sostegno dell’ICAA.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.