email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Germania

Il meglio del cinema tedesco a Ludwigshafen

di 

Parte oggi a Ludwigshafen il Festival del cinema tedesco (16-27 giugno). L'evento, nato nel 2005, confuta l'idea che esista una industria del cinema tedesco, al contrario predilige le visioni individuali e considera la qualità un elemento imprescindibile per il successo commerciale dei film – il premio in palio, del valore di 50.000 euro, si chiama non a caso Premio all'arte cinematografica (Filmkunstpreis). L'anno scorso la manifestazione ha attirato oltre 30.000 visitatori con il suo programma e i dibattiti di approfondimento organizzati con i tanti ospiti venuti a presentare i loro film.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il concorso principale ripropone diversi titoli del festival di Berlino, compresi alcuni che erano in concorso: The Robber [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Benjamin Heisenberg
scheda film
]
di Benjamin Heisenberg (vedi articolo), Faith [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Burhan Qurbani (articolo) e Jew Suss - Rise and Fall [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Oskar Roehler; il delizioso Barriere [+leggi anche:
recensione
scheda film
]
di Andreas Kleinert (presentato nella sezione Panorama – leggi l'articolo), la co-produzione franco-tedesca Orly [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Angela Schanelek (articolo) e In the Shadows [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Thomas Arslan
scheda film
]
di Thomas Arslan, entrambi in programma al Forum. Da citare anche le opere prime Die zwei Leben des Daniel Shore di Michael Dreher, regista già vincitore di premi prestigiosi per i suoi cortometraggi, Run If You Can [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Dietrich Brüggemann, e Tender Parasites [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Christian Becker e Oliver Schwabe, film che era stato presentato in anteprima a Venezia (articolo).

La sezione Lichtblicke 2010 propone invece il bellissimo When We Leave [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Feo Aladag
intervista: Feo Aladag
scheda film
]
, debutto di Feo Aladag (presentato nella sezione Panorama della Berlinale - articolo), e il grande vincitore dell'ultimo premio Max Ophüls, Gravity [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, film con cui si è diplomato Maximilian Erlenwein e che racconta lo sconvolgimento della vita di un banchiere dopo che un cliente si suicida davanti ai suoi occhi.

Il programma prevede anche una selezione di film per bambini e la proiezione dell'ultimo film dello scomparso Werner Schroeter, That night [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
. In apertura Erntedank. Ein Allgäukrimi di Rainer Kaufmann, che gareggia con altre quattro produzioni per il nuovo premio dedicato al miglior telefilm. Il festival, che darà anche al pubblico la possibilità di giudicare, ha poi anche scelto di riconoscere il lavoro dell'attore Moritz Bleibtreu.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy