email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

USCITE Belgio

Il Gran Premio delle Americhe Adem nelle sale

di 

Il primo lungometraggio di Hans Van Nuffel, Adem [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, esce oggi in Belgio, fresco del successo ottenuto a inizio settimana in Canada. Come Ben X [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Nic Balthazar
intervista: Peter Bouckaert
scheda film
]
tre anni fa, Adem si è visto infatti assegnare il Gran Premio delle Americhe al World Film Festival di Montreal. Coincidenza o forse no, sia Adem che Ben X seguono il percorso di adolescenti confrontati con la malattia: la fibrosi cistica per i giovani di Adem, la sindrome di Asperger per l'eroe di Ben X. Come se l'universalità della malattia trascendesse il contesto fiammingo dei film, che in tal modo diventano accessibili a tutto il mondo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ben X si era rivelato la sorpresa belga di fine 2007, sia all'estero (venduto in una trentina di territori) che nelle sale, dove il film ha attirato più di 250.000 spettatori. Kinepolis lancia Adem in 19 copie a Bruxelles e nelle Fiandre, ossia in numero maggiore rispetto alle uscite americane della settimana.

Adem racconta la storia di due fratelli affetti dalla stessa malattia che li condanna a un'aspettativa di vita molto limitata. Dinanzi a questa fatalità, entrambi prendono la vita di petto e affrontano ognuno a modo suo il proprio destino. Il film è co-firmato da Jean-Claude Van Rijckegem, anche produttore di A Private View. E' coprodotto da Lemming Film (Paesi Bassi), con il sostegno del Vlaams Audiovisueel Fonds, del Nederlands Fonds voor de Film, di Eurimages e del Tax Shelter.

Da notare anche l'uscita del giusto e commovente Des Hommes et des Dieux [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Xavier Beauvois
scheda film
]
di Xavier Beauvois (in 21 copie tra Vallonia, Fiandre e Bruxelles), così come dell'ultimo Blier, Le Bruit des Glaçons [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, del documentario di Colinne Serreau, Solutions locales pour un désordre global, e del film italiano La doppia ora di Giuseppe Capotondi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy