email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PRODUZIONE Francia

Droga ed emarginazione sociale in Stalingrad Lovers

di 

Droga ed emarginazione sociale in Stalingrad Lovers

Venerdì scorso sono terminate a Parigi le otto settimane di riprese del primo lungometraggio di finzione della documentarista Fleur Albert: Stalingrad Lovers. Nel cast di questo film che esplora i temi della droga e dell'emarginazione sociale figurano Jean-Patrick Koné, Mehdi Kadri, Jean-Paul Edwiges, Carole Eugenie, Eric Ebouaney, Françoise Le Plenier e Lionel Codino.

Scritta dalla regista, Laurent Roth e Olivier Volpi, la sceneggiatura comincia con il decesso di Medhi, tossicodipendente, morto in strada. Isaïe, suo amico, gli ha fatto una promessa: in caso di disgrazia, riportare il suo corpo nel suo paese, il Senegal, e recuperare i crediti presso i suoi clienti del quartiere popolare parigino della Goutte d’Or. Per far ciò, Isaïe, che occupa uno squat vicino alla ferrovia, recluta gente e si organizza…

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Prodotto da Stéphane Jourdain per La Huit Productions, Stalingrad Lovers beneficia di un budget di circa 1,7 M€ che include un anticipo sugli incassi del Centre National du Cinéma et de l’image animée (CNC), un aiuto di 384 000 euro della regione Ile-de-France e un pre-acquisto di CinéCinéma. Il progetto è stato sviluppato con il sostegno di Centre Images, del Programma Media, della Procirep e della Maison de l'Image della Bassa Normandia. La distribuzione in Francia e le vendite internazionali sono in trattative.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy