email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PREMI Regno Unito

La Scozia trionfa ai BIFA

di 

- Ai British Independent Film Awards premiati Sweet Sixteen e altri film girati nel "nuovo vivaio" dell’industria nazionale

La Scozia trionfa ai BIFA

Trionfano la Scozia, i suoi talenti e la sua industria cinematografica alla quinta edizione dei BIFA (British Independent Film Awards) che ieri notte a Londra ha premiato i suoi vincitori.
Sweet Sixteen di Ken Loach e Morvern Callar del regista scozzese Lynne Ramsay, entrambi girati in Scozia e finanziati dalla Scottish Screen Agency, hanno vinto metà dei premi per cui erano stati nominati.
A Sweet Sixteen il premio più importante, quello per il miglior film indipendente britannico, e al suo giovane protagonista Martin Compston quello per il più promettente esordiente dell’anno. Samantha Morton è la miglior attrice protagonista per il suo ruolo in Morvan Callar, premiato anche per la qualità ottenuta dal direttore della fotografia Alwin Kuchler.
Ancora, Variety ha assegnato all’attore scozzese Ewan McGregor il riconoscimento destinato alla “Personalità dell’anno”.
Commentando il sapore molto scozzese dei vincitori BIFA di quest’anno, Eliot Grove, fondatore sia del Raindance Film Festival e del BIFA, ha dichiarato: “Siamo felicissimi della qualità dei film di quest’anno, specialmente di quelli della squadra scozzese. Ci riempie di gioia sapere che in Scozia sia nata una solida industria cinematografica e che i nostri sponsor (il Park Caledonian Financial Services Group) siano pure scozzesi: sembra proprio che la Scozia sia il nuovo vivaio dell’industria filmica nazionale”.
Bloody Sunday, vincitore dell’Orso d’oro alla scorsa Berlinale, si è aggiudicato due premi: Paul Greengrass è il miglior regista e James Nesbitt il miglior attore di questa edizione dei BIFA. Il miglior film in lingua straniera è stato giudicato Monsoon Wedding di Mira Nair, mentre l’australiano Lantana ha vinto il premio del miglior film straniero in lingua inglese.
Il festival ha inoltre reso omaggio all’attore inglese Richard Harris, morto lo scorso 25 ottobre, presentando un premio speciale postumo per la sua straordinaria partecipazione d’attore, un riconoscimento creato in suo onore.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy