email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PROMOZIONE Spagna

Il cinema spagnolo torna nella Grande Mela

di 

Spanish Cinema Now, una delle rassegne più longeve fra quelle che si tengono al Lincolm Film Center di New York (la prima edizione risale al 1992), proietterà da domani, e fino al prossimo 23 dicembre, 17 lungometraggi che rappresentano il meglio della produzione spagnola dell'anno. L'evento, organizzato con la collaborazione dell'Istituto della Cinematografia e delle Arti Audiovisive (ICAA) e dell'Istituto Cervantes di New York, evidenzia la grande varietà del cinema spagnolo, che nonostante i problemi in patria, all'estero è considerata una delle cinematografie più ricche al mondo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

La selezione di film spazia fra i generi e diversi livelli di produzione, dal cinema d'autore alle grandi produzioni. Parte di essa va incontro al pubblico senza tuttavia perdere qualità, come il thriller Los ojos de Julia [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Guillem Morales, che è sulla buona strada per diventare la pellicola spagnola più vista nel 2010 (leggi la news); l'epico Lope [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(leggi la news) di Andrucha Waddington; la commedia drammatica Pájaros de papel (leggi la news) di Emilio Aragón; e El Gran Vázquez [+leggi anche:
trailer
intervista: Óscar Aibar
scheda film
]
di Óscar Aibar.

Saranno inoltre proiettati i nuovi lavori di alcuni degli autori di maggior spicco del cinema nazionale ancora inediti in Spagna, come Ballata dell'odio e dell'amore [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Álex de la Iglesia
scheda film
]
di Álex de la Iglesia, vincitore del premio della regia a Venezia (leggi la news); También la lluvia [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Icíar Bollaín
scheda film
]
di Icíar Bollaín, che rappresenta la Spagna nella corsa alle nomination per l'Oscar del miglior film straniero (leggi la news); e Guest [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(leggi la news) di José Luis Guerín.

Come è spiegato nelle note di programmazione dell'area cinematografica del Lincoln Center, la Guerra civile occupa buona parte del dibattito storico in Spagna, cosa che il cinema riflette in film come Pan negro di Agustí Villaronga, una delle pellicole più apprezzate allo scorso Festival di San Sebastian (leggi la news); Caracremada [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Lluis Galter; ed Estrellas que alcanzar di Mikel Rueda.

Completano la selezione l'intimista Aita [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di José María Orbe; il violento thriller Secuestrados (leggi la news) di Miguel Ángel Vivas, creato dai produttori di Cella 211 [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Daniel Monzón
scheda film
]
e che molti considerano come una delle possibili rivelazioni della stagione; Todo lo que tú quieras [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(leggi la news) di Achero Mañas; il film d'animazione Chico & Rita [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
intervista: Javier Mariscal, Tono Erra…
scheda film
]
, esperimento a quattro mani diretto da Javier Mariscal e Fernando Trueba; El cónsul de Sódoma di Sigfrid Monleón, sulla vita del poeta Gil de Viedma (leggi la news); 80 egunean, girato in lingua basca da Jon Garaño e José Mari Goenaga; e lo sperimentale Elisa K. [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Jordi Cadena e Judith Colell.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy