email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

INDUSTRIA Grecia

Co-produttori esteri in cerca di talenti greci

di 

Proprio nel mezzo della tempesta finanziaria del paese, i talenti locali vedono supporti co-produttivi senza precedenti in arrivo dai paesi vicini.

Maria Drandaki, produttore dei titoli veneziani Homeland [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Syllas Tzoumerkas ed il corto Casus Belli di Giorgos Zois, ha riscontrato un interesse inatteso nei confronti dei due registi al mercato del recente Thessaloniki International Film Festival (TIFF).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

“Tzoumerkas sta lavorando ad un nuovo film, e Zois a una commedia drammatica concettuale, e anche se non abbiamo avuto richieste di incontri, data la fase iniziale dei progetti, ho un’agenda fittissima”, ha dichiarato Drandaki a Cineuropa. “L’interesse nelle opportunità co-produttive in Grecia è cresciuto”.

Alexis Alexiou, il cui debutto, proposto a Rotterdam, Tale 52, ne ha fatto il pioniere di una nuova generazione di greci transfrontalieri, conferma: “Dopo anni di indifferenza e sospetto, rivenditori e co-produttori hanno iniziato a guardare con insistenza alla rinascita del nostro cinema”.

Alexiou sta lavorando ad una gangster story contemporanea che sarà co-prodotta con la tedesca Twenty Twenty Vision di Thanasis Karathanos. Alexiou ha commentato: “Dopo il successo di Dogtooth [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Yorgos Lanthimos
scheda film
]
, il cinema greco è diventato una sorta di moda, e sarebbe molto utile se riuscissimo a sfruttarla”. Il regista ha però paura di “non riuscire a cogliere l’attimo, se i fondi locali non ripartiranno”.

Alexanda Boussiou sta producendo attualmente il terzo film greco di Filippos Tsitos dopo Plato’s Academy [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Constantin Moriatis
intervista: Filippos Tsitos
intervista: Filippos Tsitos
scheda film
]
(finalista Premio LUX 2010 del Parlamento europeo) col supporto della Neue Road Movies di Wim Wenders. Il film, dal titolo Smells Like Blood, narra la storia poco nota del primo serial killer della storia greca. Boussiou ha dichiarato: “La sfida maggiore che stiamo affrontando è quella di convincere i co-produttori di essere in grado di portare fino in fondo il nostro contratto, cosa abbastanza difficile data la situazione economica del paese”.

Nel corso del TIFF, il Ministro della Cultura Pavlos Yeroulanos ha detto che la nuova proposta di legge cinematografica sarà votata lunedì e martedì, e ha espresso la sua fiducia nel fatto che passerà integralmente, e aprirà una nuova era nel sostegno del Governo alla produzione cinematografica locale.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.