email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2011 Scandinavia

Generation, sette titoli nordici in lizza per l’Orso di Cristallo

di 

Generation, sette titoli nordici in lizza per l’Orso di Cristallo

Dei 26 lungometraggi in corsa per l’Orso di Cristallo della sezione Generation della prossima Berlinale (10-20 febbraio), sette sono scandinavi, a conferma della tradizionale vitalità e qualità dei film per bambini e ragazzi nella regione.

La Norvegia ha tre film in Generation Kplus per i ragazzi più giovani: oltre a The Liverpool Goalie [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Arild Andresen (già annunciato), il talento emergente Anne Sewitsky (il cui Happy, Happy [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
viene proposto al Sundance) presenta il suo nuovo Jørgen + Anne [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, su una bambina di 10 anni che si innamora di un nuovo compagno di classe. Il film è prodotto da Cinenord Kidstory . SF International si occupa delle vendite mondiali.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Anche il maggiore hit norvegese del 2010, Twigson Ties the Knot [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Martin Lund, avrà la sua anteprima internazionale nella sezione. Prodotto da Paradox, il film viene venduto all’estero da Sola Media, che aveva già raccolto il successo con il primo capitolo della serie Twigson, tratta dal personaggio creato da Anne Cath Vestly.

La Danimarca ha un film in Generation Kplus: la pellicola d’animazione 3D The Great Bear [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dell’esordiente Esben Toft Jacobsen. La storia di un ragazzo che affronta un gigantesco orso per salvare la sorella è prodotta da Copenhagen Bombay e uscirà in patria il 10 febbraio.

Altri due film danesi già annunciati saranno presentati in anteprima mondiale in Generation 14plus: il dramma madre-figlio di Heidi Maria Faisst Rebounce e Skyscraper dell’esordiente Rune Schjøtt, venduti entrambi da TrustNordisk.

Generation 14plus include anche l'anteprima internazionale di She Monkeys, debutto di Lisa Aschan prodotto dalla svedese ATMO (Videocracy [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, Metropia). La casa di produzione ha definito il film un “western moderno sul controllo, il sesso e le creature”. Quando Emma incontra Cassandra, inizia una relazione fatta di sfide fisiche e psicologiche. Emma fa di tutto per guidare il gioco, ma le linee si confondono e la posta è sempre più alta. Nonostante questo, Emma non può resistere alla tossica sensazione del controllo totale. Le vendite mondiali sono affidate a The Yellow Affair.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy