email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2011 Mercato / Francia

L’EFM nel mirino di Pyramide

di 

Oltre a State of violence di Khalo Mtanabe, coproduzione tra Sudafrica e Francia selezionata al Forum della Berlinale (dal 10 al 20 febbraio 2011), la società francese di vendite internazionali Pyramide conta sull'European Film Market per fare affari su diversi titoli in post-produzione con ottime possibilità di comparire ai prossimi grandi festival.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

La squadra di Eric Lagesse e Yoann Ubermulhin presenterà un trailer di Elena del russo Andrey Zvyagintsev (Leone d'Oro a Venezia nel 2003 con Il ritorno e in competizione a Cannes nel 2007 con The Banishment, che si aggiudicò il premio del miglior attore) e un footage di Les hommes libres di Ismaël Ferroukhi con protagonista Tahar Rahim (articolo), e venderà su sceneggiatura L’Empire di Bruno Dumont (news), Un fils perdu di Philippe Faucon (articolo) e Ici-bas di Jean-Pierre Denis (articolo).

Pyramide completerà a Berlino anche le vendite di Angèle et Tony [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Alix Delaporte (leggi la news e l'articolo sulla proiezione veneziana), andato molto bene al suo debutto nelle sale francesi e già acquisito per Germania, Italia, Spagna, Regno Unito, Portogallo, Austria, Benelux, Bulgaria, Repubblica Ceca, Danimarca, Ungheria, Slovacchia, Svizzera, America Centrale, Colombia, Ecuador, Australia, Cina, Messico, Nuova Zelanda e Canada.

Anche Jimmy Rivière [+leggi anche:
trailer
intervista: Teddy Lussi-Modeste
scheda film
]
di Teddy Lussi-Modeste (news - premio del pubblico al recente Festival Premiers Plans di Angers) sarà proiettato al mercato, dove Pyramide proseguirà le vendite di film come Il responsabile delle risorse umane di Eran Riklis (già acquisito da 30 territori), Un homme qui crie [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Mahamat Saleh-Haroun (premio della Giuria a Cannes e acquistato per 21 territori), Naomi di Eitan Zur e La belle endormie di Catherine Breillat.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy