email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PRODUZIONE Spagna

Alex de la Iglesia gira La chispa de la vida

di 

Alex de la Iglesia gira La chispa de la vida

Il cineasta Alex de la Iglesia, presidente dll'Accademia del Cinema ancora per pochi giorni, ha cominciato lo scorso lunedì 7 febbraio le riprese di quello che sarà il suo decimo lungometraggio, La chispa de la vida, che dureranno sette settimane a Madrid e Cartagena.

L'autore basco torna così a concentrarsi sulla sua attività di regista dopo convulse settimane che lo hanno visto nell'occhio del ciclone per il suo disaccordo riguardo alla norma anti-pirateria (nota come Legge Sinde - leggi la news) sostenuta dal ministero della Cultura e le sue dimissioni da presidente dell'Accademia (leggi la news).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

De la Iglesia dovrà abbandonare le riprese solo questa domenica in occasione della cerimonia dei Goya, in cui sarà anfitrione (in qualità di presidente dell'Accademia) e partecipante (Ballata dell'odio e dell'amore [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Álex de la Iglesia
scheda film
]
è il film con più candidature - leggi la news).

In La chispa de la vida torna a lavorare con il produttore Andrés Vicente Gómez, con cui ha realizzato alcune delle sue pellicole di maggior successo, El día de la bestia (1995) e La comunidad (2000). La produzione è a carico di Trivisión e Alfresco Enterprises insieme alla francese La Ferme Productions.

La sceneggiatura del film è stata adattata da De la Iglesia dall'originale di Randy Feldman. La storia ruota attorno a Roberto, pubblicista disoccupato con una situazione economica disperata. Tutto cambia quando ha un incidente e rimane intrappolato in modo tale che nessuno riesce a liberarlo. Il fatto provoca l'interesse dei media, cosicché Roberto decide di trasformare la situazione in uno spettacolo mediatico. L'idea è semplice: vendere l'esclusiva alle televisioni e sistemare per sempre la sua famiglia.

Il cast è capeggiato dall'umorista José Mota e dalla messicana Salma Hayek, e vedrà la partecipazione di Juan Luis Galiardo, Fernando Tejero, Carolina Bang e Santiago Segura.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy