email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Francia

Prima mondiale di The Hideaways a Tribeca

di 

Prima mondiale di The Hideaways a Tribeca

Quarto lungometraggio di Agnès Merlet e coproduzione tra Francia, Irlanda e Svezia, The Hideaways sarà presentato oggi a New York nella sezione The Spotlight del Festival di Tribeca, cominciato ieri. La regista di Le Fils du requin (nominato al César 1994 della miglior opera prima), di Artemisia (nominato al Golden Globe 1998 del miglior film straniero) e di Dorothy Mills [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(50 000 entrate in Francia nel 2008 e 350 000 nel resto del mondo nel 2009) prosegue la sua carriera con un nuovo film in lingua inglese, un dramma romantico nel quale si mescolano realismo e soprannaturale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
LIM Internal

Interpretato da Harry Treadaway, Rachel Hurd-Wood, Thomas Brodie-Sangster, Susan Lynch e Kate O'Toole, The Hideaways narra (su sceneggiatura firmata da Nick Murphy) la storia di James, che eredita strani poteri comuni agli uomini della sua famiglia (suo padre fa saltare la corrente quando ha paura, suo nonno perde momentaneamente la vista quando pensa al sesso). A dieci anni, James, esplorando i suoi poteri, uccide involontariamente suo padre e sua nonna. In riformatorio, trasmette una malattia mortale a quelli che si prendono gioco di lui. Quindi, va in isolamento nella foresta. Anni dopo, Mae, giovane malata di cancro che fugge dall'ospedale, lo trova…

The Hideaways è prodotto al 60 % dalla Francia (Fidélité Films), al 30 % dall'Irlanda (Octagon Films) e al 10 % dalla Svezia (Filmgate) per un budget di 6,6 M€, che include il sostegno di Eurimages. Le vendite internazionali sono guidate da Wild Bunch.

La produzione francese è in programma fino al I maggio a Tribeca, sempre nella sezione Spotlight, anche con A bout portant [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Fred Cavayé, Ma part du gâteau [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Cédric Klapisch, L’assaut [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Julien Leclerq, la coproduzione Last Night [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Massy Tadjedin e il documentario L’amour fou di Pierre Thoretton. Nel programma Viewpoints figura Fleurs du mal [+leggi anche:
trailer
intervista: David Dusa
scheda film
]
di David Dusa, mentre la competizione mondiale vede la partecipazione della coproduzione franco-spagnolo-americana Blackthorn di Mateo Gil e di Les Emotifs anonymes [+leggi anche:
trailer
making of
scheda film
]
di Jean-Pierre Améris.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.