email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

USCITE Francia

Moi, Michel G., milliardaire, maître du monde: una commedia corrosiva

di 

Moi, Michel G., milliardaire, maître du monde: una commedia corrosiva

Un uomo d'affari che incarna un capitalismo moderno e senza complessi accetta di farsi seguire dalla telecamera di un giornalista impegnato. Con Moi, Michel G., milliardaire, maître du monde [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, coproduzione franco-belga lanciata oggi nelle sale da Rezo Films in 114 copie, il regista Stéphane Kazandjian e gli ottimi attori François-Xavier Demaison e Laurent Lafitte danno vita a un film di finzione divertente e molto acido presentato sotto forma di documentario.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

"In generale, l'economia viene trattata al cinema sotto due angolazioni: il documentario o il thriller, la denuncia giornalistica o la suspense", spiega il regista. "Io ho optato per una terza via: la satira. Tutti questi uomini d'affari, per il loro carattere ossessivo, sono personaggi comici formidabili. Sono degni eredi del Tartufo di Molière. Sono assassini, senz'anima. Vogliono sempre più soldi e più potere. E assolutamente senza scrupoli. Questo li rende affascinanti. Con loro, si naviga in pieno delirio narcisistico".

Prodotto da Delante Films, Moi, Michel G., milliardaire, maître du monde ha beneficiato di un budget di 3,67 M€, che include una coproduzione dei belgi di Scope Pictures e i pre-acquisti di Canal + e Orange Cinéma Séries. Le vendite internazionali sono gestite da Other Angle Pictures.

In arrivo sugli schermi, altri quattro film francesi di qualità: il poliziesco impegnato Coup d'éclat [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di José Alcala (articolo - Ad Vitam in 108 copie), La lisière [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Géraldine Bajard (presentato a Locarno - articolo - Zootrope Films in 11 sale), Quelques jours de répit di Amor Hakkar (in concorso al Sundance 2011- Sarah Films in 14 sale) e il documentario Le premier Rasta di Hélène Lee (distribuzione NiZ! in 5 sale).

La Germania si distingue, tra le uscite europee non nazionali, con John Rabe [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Florian Gallenberger (Lola 2009 del miglior film e del miglior attore - articolo - Albany films Distribution/Aramis Films in 65 sale) e The Silence [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Baran Bo Odar (DistriB Films in 26 copie). Si segnala, infine, la coproduzione franco-cinese Les nuits rouges du bourreau de Jade [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del duo Julien Carbon - Laurent Courtiaud (La Fabrique 2 in 15 copie).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy