email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2011 Mercato / Francia

Play e Blue Bird per Coproduction Office

di 

Play e Blue Bird per Coproduction Office

Fedele ai cineasti europei, all'originalità e a una strategia di line-up estremamente mirata, Coproduction Office punterà al Marché du Film del 64mo Festival di Cannes (dall'11 al 22 maggio 2011) su due lungometraggi selezionati alla Quinzaine des réalisateurs.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

La squadra di Philippe Bober (leggi l’intervista 2010) vende infatti Play [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ruben Östlund
intervista: Ruben Ostlund
scheda film
]
(foto) dello svedese Ruben Östlund, proseguendo una collaborazione cominciata nel 2008 con Involuntary - Happy Sweden [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Erik Hemmendorff
intervista: Ruben Östlund
scheda film
]
(presentato al Certain Regard). Play, definito sorprendente e ipnotico da Frédéric Boyer, delegato generale della Quinzaine, racconta le disavventure (ispirate a fatti reali) di un gruppo di adolescenti neri che minacciano altri ragazzini di Göteborg, senza violenza fisica, ma utilizzando un gioco di ruolo sofisticato noto come "colpo del fratello piccolo". Coprodotto da Francia e Danimarca, il film è prodotto dagli svedesi di Plattform Produktion.

Il secondo lungometraggio della Quinzaine nella line-up di Coproduction Office è Blue Bird [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del belga Gust Van den Berghe (news). Questo libero adattamento della pièce teatrale L’uccellino azzurro di Maurice Maeterlinck (1911) è ambientato in Africa e ha come protagonisti due bambini. Ma Coproduction Office negozierà anche per il mediometraggio Boro In The Box del francese Bertrand Mandico, anch'esso presentato alla Quinzaine, e sulla versione restaurata dalla Cineteca di Bologna di La macchina ammazzacattivi di Roberto Rosselini, un film del 1952 che avrà gli onori di Cannes Classics.

Da segnalare, infine, tra i titoli ancora in produzione, l'attesissimo Dau di Ila Khrzhanovsky, una coproduzione tra Russia, Germania, Francia e Svezia che narra le disavventure di un fisico geniale ed epicureo alle prese con il sistema sovietico.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy